Che battaglia sul finale di gara a Misano quando Fabio Quartararo è riuscito a recuperare un grande gap su Francesco Bagnaia che ha fatto tutta la gara al comando. Il pilota Ducati, partito velocissimo, non ha mollato ed è andato per primo a tagliare il traguardo vincendo la sua seconda gara consecutiva in questa stagione.

Guarda tutta la MotoGP su NOW

Un super Pecco da spettacolo


La Ducati di Bagnaia ha sfrecciato velocissima sul tracciato Marco Simoncelli ma a tre giri dalla fine Fabio Quartararo è diventato davvero insidioso: nessuna bagarre, però, perchè il francese non è riuscito neppure a tentare il sorpasso sul ducatista, primo sotto la bandiera a scacchi. Alle loro spalle, in terza posizione, è arrivato Enea Bastianini con la Ducati del team Esponsorama. Per il rookie MotoGP il primo podio nella master class e il miglior risultato di stagione.

La quarta piazza, invece, se l'è aggiudicata Marc Marquez nonostante a due giri dalla fine sia stato insidiato da Joan Mir, che ha chiuso poi sesto alle spalle di Jack Miller. A seguire, i piloti che si sono aggiudicati un posto nella Top 10 di gara sono stati Pol Espargarò incalzato dal fratello Aleix in sella all'Aprilia, a Brad Binder e Takaaki Nakagami.

La marea gialla a salutare Vale


La gara ha visto la caduta di Jorge Martin, risalito poi in sella ma sfortunato nel dover scontare due long lap penalty. Insieme a lui anche il compagno di squadra Johann Zarco ha dovuto affrontare un long lap penalty, mentre il pilota Suzuki Alex Rins è incappato in una caduta mentre si trovava nel gruppo centrale.

Tribune totalmente gialle, a Misano, a salutare la penultima gara su questo tracciato di Valentino Rossi, che ha chiuso 17esimo davanti a Franco Morbidelli e al fratello Luca Marini con Andrea Dovizioso, alla sua prima gara in sella alla M1 del team Petronas, che ha tagliato il traguardo 21°.

La classifica


Moto3, GP San Marino: Foggia guida la tripletta italiana e riapre il Mondiale