La due giorni di test fatta a Misano per Fabio Quartararo può dirsi conclusa con il segno più. Il francese, in questa stagione 2021, è riuscito a trovare un ottimo feeling con la M1, tanto che a differenza degli altri piloti Yamaha, nonostante le varie problematiche e cambiamenti che ci sono stati al box, è l'unico che riesce a portare la moto ai piani alti della classifica.

Qualche perplessità sul nuovo motore


Detto questo, Fabio è uscito felice dai test a Misano sotto alcuni aspetti, ma anche con qualche dubbio rispetto ad altri. Un esempio? Il nuovo motore versione 2022: “Il nuovo prototipo che ho provato nella giornata di martedì non era così diverso da quello attuale - ha commentato -. Per quanto riguarda il telaio i miei commenti sono stati positivi, invece per il motore posso dire che mi aspettavo che avesse più potenza. In ogni caso avremo anche i test di Jerez in cui provare le novità 2022”.

Tanto lavoro sulla moto 2021 in ottica campionato


Già, perchè il francese ha sì provato qualche novità sulla M1, ma a differenza di alcuni suoi colleghi, ha preferito concentrarsi sulla stagione in atto, visto che si sta giocando il titolo. Da preparare c'era la prossima gara, quella di Austin e anche le successive tre: “Ho lavorato in modo particolare sulla forcella e sulla sospensione posteriore - ha aggiunto - non cambiando il tipo di configurazione che ho nei weekend di gara. Il mio obiettivo è stato soprattutto quello di concentrarmi sul set up di base e provare la moto in versione 2021”. Ad avvalorare il suo ragionamento di voler preparare al meglio la moto 2021, anche il fatto che dopo Austin, i piloti del Motomondiale torneranno a correre ancora una volta a Misano e per Quartararo molto probabilmente si riproporrà nuovamente la sfida con il suo rivale principale Francesco Bagnaia: “Durante i test non abbiamo migliorato molto - ha concluso - ed abbiamo deciso di tornare alla configurazione di base. Vedremo come andrà”.

I cinque sorpassi più “cattivi” del Motomondiale