GP Americhe, Bagnaia: “Importante il gap in campionato, devo essere costante”

GP Americhe, Bagnaia: “Importante il gap in campionato, devo essere costante”

La coppia ufficiale Ducati è pronta in vista del quindicesimo GP stagionale, su una pista dove Miller nel 2019 è andato a podio e dove Bagnaia proverà a ricucire il distacco

30 settembre

Ora che ha assaggiato il sapore della vittoria Francesco Bagnaia ne vuole sempre di più e dopo i due successi schiaccianti ad Aragon e Misano, nel mirino c’è il Gran Premio delle Americhe. Sul tracciato texano il piemontese vorrà impensierire ancora una volta il leader del campionato Fabio Quartararo, e qui Ducati ha raccolto l’ultimo podio nel 2019. Per mano di Jack Miller, pilota a quei tempi del team Pramac.

Troppi drammi in gara: Dorna e FIM studiano nuove regola per la sicurezza

Gli obiettivi del piemontese


“Questi giorni di riposo prima della gara negli Stati Uniti e dopo il test di Misano mi sono serviti per ricaricarmi ed assimilare le due vittorie, soprattutto l’ultima ottenuta sulla pista di casa!” ha spiegato il pilota ufficiale Ducati. Bagnaia arriva da sensazioni ottime: "Sia ad Aragón che a Misano mi sono trovato subito a mio agio sulla moto fin dalle libere del venerdì e in generale le mie sensazioni sulla Desmosedici sono state molto positive nelle ultime due gare. Spero quindi di ritrovare le stesse sensazioni anche ad Austin e di poter essere altrettanto competitivo".

Guardando poi la situazione in generale ha ammesso: "Il distacco in Campionato è ancora piuttosto importante e restano solo quattro gare, perciò sarà fondamentale riuscire ad essere costanti e portare a casa più punti possibili”. In palio ci sono ancora cento punti, nulla è ancora deciso.

Bei ricordi per l'australiano


Sono molto contento di tornare a correre negli Stati Uniti" ha ammesso Jack Miller.  "La pista di Austin mi piace molto e sono stato sul podio qui l’ultima volta che abbiamo corso, perciò spero di potermi ripetere anche quest’anno". Inoltre arriva qui in un momento in cui ha fatto un buon passo in avanti: "Nell’ultima gara a Misano e nelle due giornate di test avute sullo stesso circuito le sensazioni in sella alla mia Desmosedici GP sono state davvero ottime perciò sono fiducioso e arrivo in America con l’obiettivo di lottare per un buon risultato”. E magari tornare sul podio da dove manca dal GP di Catalogna.

 GP Americhe, 3 le frenate più impegnative del GP texano

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi