Con la stagione 2021 che sta arrivando al capolinea (mancano 3 gare), in Casa KTM si sta già pensando al futuro. I due team, Factory e Tech3 sono già “sistemati”, ma in quanto ai tester, potrebbero esserci delle novità. E per Danilo Petrucci, quella che si correrà a Valencia il 14 novembre, potrebbe non essere l'ultima gara in MotoGP.

Una “pedina” da spostare in caso di necessità


Di certo, da parte del pilota di Terni così come da parte di KTM, ci si aspettava una stagione diversa. E invece i risultati non sono arrivati. Danilo alla fine ha scelto di prendere la strada dell'Off Road restando però sempre con il marchio austriaco. Ma, dato che Mika Kallio collaboratore KTM, sembra non più intenzionato a partecipare a Gran Premi futuri come wild card, ecco che Petrux potrebbe diventare “la pedina” da spostare in caso di necessità. A parlarne, in un' intervista a Speedweek.com è stato il Direttore KTM Motorsport Pit Beirer: “Dani Pedrosa ha fatto una gara a Spielberg, - ha detto - ma preferirebbe non correre utleriormente, se non ce ne fosse davvero la necessità. Mika, invece, non parteciperà più ai Gran Premi. La questione del pilota sostitutivo, è da sempre un vecchio dilemma e in caso di emergenza, durante la notte non troverai nessun super pilota sostitutivo. Adesso però abbiamo due buoni numeri di telefono per un caso del genere. Da un lato c'è Dani, ma in futuro potremmo chiamare anche Danilo Petrucci”.

Beirer: “Petrucci è diventato un amico”


Oltre alla Dakar, ci possiamo aspettare quindi di vedere Petrucci nei test invernali? “Penso che un buon pilota possa orientarsi su una motogp in tempi relativamente brevi - ha concluso Beirer -. È stato dimostrato quanto sia difficile per i sostituti. Tutti quelli che entrano per la prima volta, almeno nel primo fine settimana, hanno davvero difficoltà. Con Danilo abbiamo un ottimo rapporto, non abbiamo bisogno di un contratto per determinate attività. E' diventato amico di tutti noi, sfortunatamente abbiamo fallito con il nostro piano di offrirgli la sua migliore stagione in MotoGP finora con più di una vittoria all'anno”.

MotoGP, Jarvis e il 2015: “Errore per Valentino chiamare in causa Marquez”