MotoGP Emilia Romagna, Miller: "In gara dovrò usare l'istinto"

MotoGP Emilia Romagna, Miller: "In gara dovrò usare l'istinto"© Milagro

Jack: "Non era la mia giornata per la pole, con condizioni della pista difficili da intepretare, perché i colori tra parte bagnata ed asciutta erano simili. Domani sarò instintivo, come ho fatto oggi"

23 ottobre

Solo 25 millesimi incassati dal poleman e tutto il resto della griglia costretta a scattare guardandogli le spalle: Jack Miller ha siglato il secondo crono, valevole di prima fila MotoGP, marcata completamente Ducati. L'australiano ed il suo 1'33"070 ha collocato la sua Desmosedici in mezzo tra la "sorella" di Pecco Bagnaia e la "cugina" di Luca Marini.

"Thriller" è soddisfatto del risultato conseguito in Q2: "Sono molto felice per Ducati - le sue parole nel parc ferme - perché è molto bello vedere tre Rosse davanti a tutti. Penso che Pecco abbia fatto un ottimo lavoro, io e lui eravamo davvero vicini, ma la pole è andata a lui, meritatamente. Oggi non era proprio la mia giornata per la ottenere la partenza dal palo".

Miller spiega cosa gli sia mancato per centrare la miglior posizione di partenza del Marco Simoncelli: "Ieri ho faticato a mettere insieme un passaggio al limite completo - ammette - inoltre, le gomme erano fredde ed altre cose erano avverse. Peccato, però oggi sono riuscito a rimanere in sella, evitando di cadere".

Gara da affrontare istintivamente


Le condizioni della pista, come erano? Difficili da interpretare, tuttavia non male: "I colori presenti sull'asfalto sono molto simili - Jack si riferisce alle chiazze scure bagnate e le più chiare parti asciutte - quindi si va ad istinto. Comunque, la pista non è male. Penso che domani sarà difficile per tutti, perché qui non abbiamo effettuato test in queste condizioni. Credo che domani andremo ad istinto, sperando di fare una bella gara".

Moto3 GP Emilia Romagna: Antonelli in pole position e Rossi terzo

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi