MotoGP, Valentino Rossi: “Marquez mi ha fatto perdere nel 2015”

MotoGP, Valentino Rossi: “Marquez mi ha fatto perdere nel 2015”© Milagro

In un'intervista concessa a 'Le Iene' il nove volte campione del mondo ha ripercorso i momenti della sua carriera, parlando anche del futuro che lo attende, da papà e pilota di auto

Il ritiro, la “pensione”, la bimba in arrivo, i rivali di una vita. Questi i temi affrontati da Valentino Rossi in un’intervista rilasciata a 'Le Iene' dopo il GP Emilia Romagna, l’ultima gara sul suolo italiano per il pesarese.

Pagelle MotoGP Emilia Romagna: Bagnaia esagerato, Quartararo al settimo cielo

L’ultima Misano e il futuro tra le auto


“È stato un weekend molto emozionante, con una grande atmosfera” ha spiegato il Dottore ai microfoni della trasmissione. “Era pieno di gente, pieno di tifosi. Poi sono contento perché sono riuscito a fare una bella gara. Partivo indietro e son finito decimo, sono riuscito ad andare piuttosto forte. Ho fatto dei sorpassi, mi sono divertito, quindi è stato il miglior modo per salutare. E dopo la bandiera a scacchi mi sono fermato sotto la tribuna, ho tirato il casco, è stato bello”.

Tra due GP la sua avventura da pilota MotoGP sarà giunta al termine: “Il ritiro? Mi dispiace andare in pensione, ma continuo a fare il pilota, correrò con una macchina l’anno prossimo. Rimarrò in pista, sennò mi annoio”. Rossi è già pronto ad affrontare un futuro a quattro ruote. In quale categoria? “Correrò con delle macchine GT, serie Endurance, però dobbiamo capire che campionato fare”.

A proposito della decisione di appendere il casco al chiodo, Valentino ha spiegato di aver preso la decisione dopo il GP Olanda, terminato nella ghiaia dopo un weekend piuttosto complicato. “Ho pensato di continuare però mi sono detto: ‘Vedo quanto sono competitivo, se riesco a vincere, se riesco a salire sul podio, se riesco a fare delle belle gare’. Però quest’anno è stata più dura del previsto, mi aspettavo di andare un po' più forte, di fare meno fatica. Dopo la gara di Assen, e li mi ero prefissato di decidere con calma, ho aspettato una settimana e poi ho detto: 'Via, ci siamo' . Ho 42 anni, gli altri piloti ne hanno 25. Fossi stato più giovane ci sarebbe stato il tempo per ripensarci ma ormai va bene così”.

Il rammarico del 2015


Per Rossi c’è stato anche il tempo di ripercorrere le immagini della sua carriera, compresa la discussa stagione 2015: “Ci sono dei ricordi molti brutti perché c’è stata una grande lotta tra me e Lorenzo e abbiamo avuto dei problemi con Marquez che mi ha fatto perdere. Non si era mai visto che un campione corra per far perdere un altro e non per vincere lui. Mi dispiace non aver vinto 10 mondiali perché a Valencia (nel 2006, ndr) ho sbagliato e sono caduto ma questo ha fatto più male. È un grande rammarico perché non me l’aspettavo e da lì non è stato più lo stesso. I più grandi rivali della mia carriera? Biaggi, Stoner, Lorenzo”.

In attesa della bambina


Adesso lo aspetta la vita da papà: “Sapere di diventare papà è sicuramente più emozionante, vincere il Mondiale è più adrenalinico. Se abbiamo scelto il nome? Ce ne sono due-tre in ballottaggio. Abbiamo già scartato Valentina per me e Sofia per Francesca, ci piaceva Vittoria. Vedremo”.

MotoGP, Ciabatti e la caduta di Bagnaia a Misano: “Così fa male”

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi