MotoGP, se il numero 1 diventasse obbligatorio?

MotoGP, se il numero 1 diventasse obbligatorio?© Milagro

L'ultima volta nella classe regina fu ammirato grazie a Casey Stoner, nel 2012 sulla Honda RC213 V. Poi, il marketing ha dilagato, ma non sarebbe meglio mettere il "numero Uno" tassativo al campione in carica?

29 ottobre

Il pilota in azione nella foto di copertina è Casey Stoner, la moto guidata è la Honda RC213 V, affidata al titolato australiano che, dopo il successo firmato MotoGP 2011, esibì nuovamente il numero 1, nella stagione di addio alle corse. La 2012, appunto.

Il fenomeno di Southport già nel 2008 portò in giro per il Mondo la tabella da sempre e da tutti più ambita: a seguito dell'alloro conseguito insieme a Ducati nel 2007, la DesmosediciGP sfoggiava proprio il numero 1, a differenziarsi dal resto della griglia.

Dopotutto, il numero 1 serve proprio a questo, giusto?! Parliamo

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi