MotoGP, Meregalli: “Con Quartararo una nuova atmosfera nel box”

MotoGP, Meregalli: “Con Quartararo una nuova atmosfera nel box”

Se con il francese il rapporto è stato idilliaco, diversa è stata la situazione nell'altro lato del box Yamaha. A parlare di questa stagione “a due facce”, conclusasi nel migliore dei modi, è stato il team director della squadra, che nutre grande fiducia anche per il 2022

3 dicembre

La Casa di Iwata ha ritrovato il successo iridato dopo ben cinque stagioni di digiuno e a riuscirci è stato Fabio Quartararo, al suo primo anno nella squadra ufficiale. Il 22enne (qui in campo a Parigi) ha ottenuto il massimo da ogni situazione, dominando gran parte del campionato e conquistando il titolo a Misano con tre gare d’anticipo. Il traguardo ha riportato grandi emozioni nel box Yamaha e il team director Massimo Meregalli ha analizzato questo 2021 magico.

MotoGP, Lorenzo: "Il 2022 è una grande opportunità per Ducati"

Quello che di buono ha portato Quartararo


Ai microfoni del sito ufficiale motogp.com l’italiano ha ammesso: “Siamo soddisfatti di questa stagione. È stato un anno piuttosto impegnativo, ci sono stati molti alti e bassi, ma abbiamo trovato la costanza che non avevamo negli anni precedenti”. Appunto con Quartararo: “Abbiamo iniziato un buon rapporto con questo pilota nuovo, giovane e veloce. Da quando è arrivato l’atmosfera nel box è diventata più giovanile, ha portato gioia ed è stato capace di gestire la situazione. Di essere serio e concentrato durante le sessioni, ma anche felice e divertente con noi una volta finito il lavoro”. Così è stato centrato il traguardo più importante: “È incredibile, abbiamo avuto una stagione così forte”.

Le difficoltà vissute con Vinales


Ma il 2021 è stato anche un anno difficile, che ha portato con sé diverse problematiche guardando all’altro lato del box: “Se guardiamo i piloti, la stagione è stata a due facce”. Se tutto è stato quasi perfetto con Quartararo, con il suo compagno di squadra il rapporto non è andato nella giusta direzione: Ci sono stati alcuni problemi con Maverick Vinales, con cui siamo stati costretti a concludere la relazione”. Successivamente, dopo alcuni sostituti, il suo posto è stato preso da Franco Morbidelli, che dopo l’operazione al ginocchio avuta a giugno non è tornato al 100%: “Il recupero è lungo e non è ancora finito. Ma se pensiamo al futuro i nostri piloti sono molto buoni, siamo molto fiduciosi che nel 2022 avremo un’altra grande stagione”. Ci sono quindi tutti i presupposti migliori per andare in vacanza.

MotoGP: ai FIM Awards le premiazioni dei campioni 2020 e 2021

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi