MotoGP, Lin Jarvis precisa: “Ci mancano cavalli, ma già da molto tempo”

MotoGP, Lin Jarvis precisa: “Ci mancano cavalli, ma già da molto tempo”

Il Team manager della Yamaha conferma quanto sostenuto da Fabio Quartararo sul limite più evidente della M1, affrontando anche il tema del rinnovo del Campione del Mondo

Manca circa un mese prima di vedere i protagonisti della MotoGP tornare in sella per il primo test ufficiale della stagione. È già tempo dunque per provare a capire dove i costruttori devono intervenire per progredire, e il campione del mondo, Fabio Quartararo, ha più volte indicato su quale area della moto bisogna lavorare per restare competitivi e difendere il titolo contro una Ducati (in primis) in continuo miglioramento. Il pilota francese ha puntato il dito contro il motore, visto come punto debole della M1 e Lin Jarvis ha confermato quanto detto dal suo pilota, ma ha voluto fare delle precisazioni. 

Tecnica MotoGP: a cosa lavorano le squadre? Le novità viste in pista a Jerez

Lin Jarvis promuove la M1: "Abbiamo un pacchetto molto equilibrato"


Anche nella stagione 2021, che ha portato l'iride a Fabio Quartararo, la Yamaha M1 ha continuato a mostrare quella che da anni è la sua caratteristica principale, oltre che suo punto di forza, ovvero la guidabilità e l'equilibrio in tutte le fasi della guida. Un aspetto che ha spesso compensato la mancanza di potenza al motore, sia in accelerazione che in velocità massima. Un deficit che tutti i piloti Yamaha hanno sempre evidenziato, da Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, fino a Maverick Vinales e appunto Fabio Quartararo. In un'intervista per MCN, il team manager della squadra, Lin Jarvis, ha specificato: "Ciò che ci manca sono i cavalli, non solo quest'anno, è qualcosa che ci manca da molti anni. Questo è il punto che dobbiamo risolvere. Sono ottimista, dobbiamo essere all'altezza".

Jarvis ha sottolineato il buon lavoro fatto fino ad ora dalla Yamaha e dal pilota francese: "Penso che si debba essere sempre ottimisti, ma anche realistici. Penso che abbiamo un ottimo pacchetto equilibrato, con molte qualità positive che Fabio ha visto, anche per la fiducia che lui ha con la moto. Frena incredibilmente, ha un feeling enorme con l'anteriore".

La linea Yamaha è chiara: "Vogliamo tenere Fabio per i prossimi anni"


Nonostante la stagione 2022 non sia ancora iniziata, è già tempo di parlare di mercato piloti, la Honda si sta guardando attorno e il rinnovo di Quartararo inizia ad essere un argomento da monitorare per la casa di Iwata: "Abbiamo fatto un passo, perché Frankie ha un contratto fino alla fine del 2023. Con Fabio, ovviamente, siamo molto felici di vederlo crescere in Yamaha e anche per i risultati che ha ottenuto finora. È giovane e ha un futuro molto luminoso - ha continuato -. Chiaramente la nostra intenzione è quella di tenere Fabio per il 2023 e il 2024. Abbiamo iniziato a parlargli dei dettagli? No. Lo faremo presto? Sì".

Dakar: le speranze di Petrucci appese a un filo, dopo il ritiro dalla tappa

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi