MotoGP, costanza e intelligenza: così Brad Binder è quinto nel Mondiale

MotoGP, costanza e intelligenza: così Brad Binder è quinto nel Mondiale© Luca Gorini

Il sudafricano sta silenziosamente scalando la classifica, a suon di gare completate e punti preziosi

Jack Miller, Pecco Bagnaia, Joan Mir, Jorge Martin. Cosa hanno in comune questi quattro piloti? Varie cose forse, ma certamente una: sono tutti alla spalle di Brad Binder in classifica generale. Un qualcosa sul quale, probabilmente, in pochi - o forse nessuno - avrebbero scommesso, e che invece al giro di boa della stagione è pura realtà.
 
Sia chiaro, qui nessuno sta bacchettando i quattro piloti in questione, bensì si vuole sottolineare l’ottimo cammino compiuto finora dal sudafricano, che va premiato per varie ragioni. In primis la situazione tecnica: ad oggi è evidente infatti come la KTM sia la moto - insieme alla Honda - più in difficoltà della griglia, venendo scavalcata nel corso della stagione dall’Aprilia, che ha dunque lasciato alla casa austriaca il titolo di fanalino di coda. La RC16 finora ha dimostrato sprazzi di velocità, ma soprattutto grande incostanza da un tracciato all’altro.

Conquistare punti, sempre


Incostanza che invece che proprio non si abbina con la stagione di Binder, che proprio grazie alla costanza ha infatti costruito la sua quinta posizione in campionato. Dopo lo splendido inizio in Qatar, con la seconda piazza alle spalle di Enea Bastianini, il sudafricano infatti ha raccolto punti in tutte le gare successive, fatta eccezione per Portimao. Una conquista non di poco conto, se pensiamo che gli unici ad aver fatto meglio - avendo ottenuto punti in tutti i GP - sono Fabio Quartararo ed Aleix Espargarò, ossia i primi due nel Mondiale.
 
“Finire la gara è il mio obiettivo primario - la conferma di Brad - vista la situazione attuale. Sono più avanti del previsto nella classifica generale, il che non può che rendermi felice”. Restare in quinta piazza certamente non sarà facile, visto il solo punto di vantaggio sul duo Ducati ufficiale, ma quanto fatto da Brad finora è certamente qualcosa di rimarchevole, considerati i 18 punti in più del compagno Miguel Oliveira, destinato ad un futuro lontano da KTM. Quest’ultima che invece ha puntato sul sudafricano, rinnovando il suo contratto - l’anno scorso - sino al 2024. Una scelta che, ad oggi, pare più che azzeccata.

Orari TV MotoGP Olanda 2022: gara in diretta su Sky e Now, differite su TV8

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi