La Moto2 ha concluso le sessioni delle prove libere del GP d’Argentina. Il più veloce nel terzo turno si è rivelato il tedesco Jonas Folger, che al decimo dei quindici giri ha piazzato il crono di 1’44’’203 e ha limato di otto decimi la sua prestazione di ieri, che lo vedeva alle spalle di Zarco. Secondo tempo per Esteban Rabat, a cinque decimi dal leader del turno, e di appena 28 millesimi più veloce del connazionale Maverick Vinales, autore del terzo tempo in 1’44’827. Il francese Johann Zarco, leader del secondo turno di libere, si deve accontentare questa volta  della quarta posizione, conquistata nell’ultimo giro a disposizione, con un crono di soli 70 millesimi superiore a quello di Vinales. Bene è andata a Mattia Pasini (nella foto) il migliore degli italiani con la sua quinta posizione: all’ultimo giro del turno ha siglato il suo miglior tempo, a soli 19 millesimi da Zarco, ed è ultimo dei cinque piloti ad essere sceso sotto il muro dell’1’45’’. Trova il feeling con il tracciato argentino il finlandese Mika Kallio, che con la Kalex sigla il sesto miglior crono in attesa di prendere il via per il suo duecentesimo Gran Premio domani, primo pilota finlandese a tagliare questo traguardo. Quindicesimo tempo per il sanmarinese Alex De Angelis. Per gli altri italiani, Franco Morbidelli  con il tempo di 1’45’579 ha limato un secondo dalla sua miglior prestazione di ieri, ed è diciottesimo. Venticinquesimo tempo per Lorenzo Baldassarri davanti a Simone Corsi, che invece non ha trovato il setup giusto in questo terzo turno di libere e chiude in ventiseiesima posizione. I tempi continuano comunque ad essere anomali: così Dominique Aegerter è solo diciannovesimo, Thomas Luthi dodicesimo, Sam Lowes, il campione del mondo della Supersport, ventiquattresimo. Trentunesimo Sebastian Porto, rientrato come wild card dopo otto anni di assenza dai Gran Premi. Fiammetta La Guidara I tempi della FP3