Mattia Pasini, al via deò GP di Misano come wild card in sella alla Kalex del Team Gresini, ha mancato di pochissimo la zona punti. Un risultato di tutto rispetto in un campionato combattuto come la Moto2, se si considera che Mattia partiva 24° e che aveva corso soltanto nel Gran Premio d’Italia dello scorso 31 maggio al Mugello. “Da un lato considero positiva questa gara, perché abbiamo mantenuto costantemente un buon ritmo e abbiamo migliorato la nostra posizione di partenza", spiega Mattia Pasini. "Purtroppo però nel warm pp ho avuto un problema alla frizione, che si è ripresentato nella prima parte della corsa: nei primi 5 giri ho fatto 5 errori che mi hanno fatto perdere il contatto con il gruppo di Siméon, Pons e Luthi. "In seguito ho dovuto provare ad adattarmi a guidare con questo problema e quando poi mi sono adattato ormai le gomme erano già calate e ho preferito portare a casa il risultato senza rischiare, perché era importante prendere la bandiera a scacchi", continua Pasini. "Sono comunque contento perché ora so che avevamo il potenziale per stare nel gruppetto che ha lottato ai margini della top ten e questo mi conforta. Affrontare una gara così isolata non è mai semplice, del resto: mi piacerebbe poter tornare a disputare una stagione completa per poter dire la mia”, conclude Pasini, lanciando un chiaro messaggio.