Il GP di Germania costituisce una sorta di spartiacque fra la prima e la seconda parte della stagione. Tempo di bilanci, dunque. E in Moto2 Johann Zarco può essere  soddisfatto dei primi 9 GP, che lo hanno proiettato di nuovo al vertice della classifica iridata. Esattamente come lo scorso anno di questi tempi, ma se nel 2015 il francese era andato in vacanza con 65 punti di vantaggio sul secondo, che allora era Rabat, mentre adesso ne ha soltanto 25 su Alex Rins.

Sam Lowes mantiene la terza posizione come l'anno scorso, davanti a Thomas Luthi che nel 2105 di questi tempi era quinto.

Franco Morbidelli è ottavo, esattamente come ad agosto del 2015, con quattro punti più. E per restare gra gli italiani, Simone Corsi lo scorso anno era quattordicesimo e oggi è decimo, mentre Lorenzo Baldassari guadagna una posizione rispetto allo scorso anno.

MotoGP.com ha stilato una classifica di chi è migliorato e chi è peggiorato dal 2015.

I promossi

Nel 2013 Taakaki Nakagami, scuderia Idemitsu Honda Asia è stato uno degli astri nascenti nella categoria intermedia con le voci di un suo passaggio nella categoria regina insistenti. Ma nel 2014 e nel 2015 il pilota nipponico è rimasto nella categoria ed è stato protagonista di un calo di prestazioni. Dopo le prime nove gare della scorsa stagione il pilota Honda aveva 32 punti. Ma ora sembra definitivamente tornato il pilota che aveva dimostrato di essere agli esordi e al giro di boa del campionato ha 83 lunghezze iridate, 51 in più rispetto al 2015. Numeri a sostegno delle sue ottime prestazioni nelle libere come nelle qualifiche.

Vittorioso ad Assen e per la prima volta sul gradino più alto del podio Nakagami è arrivato terzo al GP di Catalogna è stato protagonista anche di arrivi a punti dopo due cadute.

Da quando è entrato come pilota a tempo pieno nel Campionato del Mondo MotoGP nel 2014, Hafizh Syahrin della scuderia Petronas Raceline ha fatto progressi continui. Nel 2016 ha segnato 69 punti in più della stagione precedente entrando nelle prime dieci posizioni già in sei occasioni. Sicuramente il podio può essere dietro l’angolo.

Alex Pons è il terzo pilota dal miglioramento più grande nel 2016. Dalla fama di cascatore ad una inizio stagione convincente. Dopo nove gare il figlio d’arte aveva solo nove punti nel 2015 mentre questa stagione è a 34 entrando per quattro GP nella top ten.

I bocciati

Il cambio di moto ha beneficiato sicuramente a Simone Corsi, Speed Up Racng che con prototipo analogo è spesso in lotta con le Kalex di alta classifica. Non si può dire la stessa cosa invece per Xavier Simeon, della scuderia QMMF Racing Team. Nel 2015 ha vinto il suo primo GP in Germania conquistando il podio anche nella prima gara dell’anno. Questa stagione lo scarto rispetto al 2015 è di 56 punti in meno.

Leader del campionato e attualmente in testa alla classifica il campione del mondo in carica della categoria è il secondo pilota con il peggioramento più alto. Johann Zarco è in netta ripresa dopo la nona gara del 2016 e ha comunque vinto le ultime tre gare dei recenti quattro GP.

Julian Simon, QMMF Racing Team, è salito sul podio al terzo posto nel recente GP di Germania. Ma la sua stagione rispetto al 2015 non è nelle migliori. Campione del mondo in classe 125cc nel 2009 ha segnato 21 punti in meno rispetto alle prime nove gare dell’anno scorso pur restando con la stessa moto e con la stessa scuderia.