A differenza delle solite battaglie all’ultimo secondo a colpi di centesimi, la sessione di prove (libere2) della Moto2 ha avuto un dominatore assoluto. Si tratta di Thomas Luthi (Kalex). Lo svizzero del Team Garage Plus Interwetten si è reso protagonista sin dalle prime battute, chiudendo poi in testa con un 1’50”625.

MORBIDO C’E’ - Alle sue spalle, il padrone di casa Takaaki Nagakami: primo nelle libere d’apertura, il giapponese si è confermato al top anche nel pomeriggio, “pagando” a Luthi quasi tre decimi di secondo. L’unico altro pilota ad abbattere il muro del 51 è stato l’azzurro Franco Morbidelli, arrivato in vetta a colpi di giri veloci e prenotandosi per un posto sul podio in vista della gara di domenica.

RINS CRASH - In ottica sfida iridata, Sam Lowes è quarto (durante la sessione ha fatto un miracolo da rodeo per rimanere in piedi alla Esse), il leader e campione del mondo in carica Zarco è quinto mentre Alex Rins è stato sfortunato protagonista di una scivolata che ha compromesso la sessione (ha chiuso 29esimo) ma che ha escluso conseguenze fisiche. Rientrato al box, infatti, si temeva per una frattura alla clavicola, poi scongiurata.

Sesto ha chiuso Lorenzo Baldassarri, poi Cortese, Marquez, Schrotter e Folger. Gli altri azzurri, Pasini, Corsi e Marini sono rispettivamente 13esimo, 16esimo e 22esimo.