Alex Marquez è scatenato. Sull'asfalto bagnato di Jerez, nella FP1, lo spagnolo è stato inarrivabile. Basti pensare che Cardus, secondo, e Nagashima, terzo, hano subìto oltre 1" di distacco. Più lontani tutti gli altri. Chi pensava che Marquez avesse giocato il jolly nella FP1, per mettersi in mostra, si è dovuto ricredere nella FP2, che lo spagnolo ha sempre chiuso al comando, davanti ad Aegerter, Vierge, Quartararo e il compagno di squadra, il leader del mondiale, Morbidelli.

MORBIDELLI A DISTANZA DI SICUREZZA - Franco, che è costantemente migliorato, al termine della FP2 è riuscito a ridurre il gap da Marquez a meno di tre decimi di secondo, pertanto domani, nelle qualifiche, è lecito attendersi un Morbidelli in lotta per la prima fila, che per Franco è l'obiettivo minimo, dopo tre vittorie nelle prime tre gare. Pasini si conferma veloce. Non è una novità. A Mattia, infatti non mancano talento e prestazioni nelle prove ma costanza di rendimento e risultati. In gara, questa volta, Pasini dovrà dimostrare di essere un top rider... fino alla bandiera a scacchi.

BAGNAIA NELLA TOP TEN - Buone le prestazioni di Marini e Baldassarri, rispettivamente ottavo e nono. Sorprendente Bagnaia (decimo), un debuttante che anche in questa occasione è in grado di restare in scia a piloti ben più esperti di lui. Le prestazioni di Manzi (trentesimo), il suo compagno di squadra, e di Locatelli (ventottesimo) "spiegano" che la Moto2 è una categoria ostica e danno ancora più risalto al lavoro del torinese del team SkyVR46.

Qui potete leggere la classifica della FP1 della Moto2.

Qui potete leggere la classifica della FP2 della Moto2.