Alex Marquez ha iniziato il weekend con l'obiettivo di dominare, perché per arginare il suo compagno di squadrà nonché leader del mondiale (Franco Morbidelli) c'era bisogno di una prova di forza. Marquez partirà dalla pole position con un ottimo tempo (1'42"080), che migliora il precedente record sul giro, che apparteneva a Sam Lowes. Questa eccezionale prestazione non è però bastata a demoralizzare Morbidelli, che è a soli 46 millesimi di secondo dal pilota di Cervera. Franco, quindi, si conferma in forma e l'avio "prudente" del weekend non era sinonimo di scarso feeling ma solo di intelligenza.

BAGNAIA... CHE ROKKIE! - La prima fila è chiusa da Aegerter, il quale precede la KTM di Oliveira, che in sella alla moto austriaca sta dimostrando tutto il suo talento. Alle spalle del portoghese c'è Pasini, che in qualifica si conferma al livello dei primi della classe. Certo, Marquez e Morbidelli sono più veloci di tutti gli altri, però Mattia ha il passo per puntare al terzo gradino del podio. In Moto2 il tricolore è sempre più presente nelle posizioni di vertice. La vera sorpresa delle qualifiche, infatti, è il rookie Bagnaia, che come Pasini ha il podio nel mirino.

LUTHI STECCA - È presto per fare dei calcoli, però Morbidelli non potrà non pensare che il suo rivale, Luthi, ha steccato la qualifica e partirà dalla dodicesima piazza, alle spalle di Marini. Lo svizzero non è mai stato veloce come Franco e fino ad ora ha sfruttato la sua esperienza per restare in lotta per il titolo. Però, se Morbidelli continuerà a viaggiare come un Frecciarossa 1000, Luthi dovrà rischiare...

Qui potete leggere la classifica della QP della Moto2.