Finalmente SpeedUp. Finalmente Quartararo. La Moto2 italiana costruita da Luca Boscoscuro torna in vetta alla categoria grazie alla vittoria ottenuta sul circuito di Barcellona. L’ha fatto grazie alla prestazione del giovane 19enne di Nizza, Fabio Quartararo, che al suo secondo anno di Moto2 (e alla quarta nel Motomondiale) sale per la prima volta sul gradino più alto.

PERFEZIONE - Una gara perfetta, arrivata dopo che nelle prove il binomio franco-italiano aveva dimostrato solidità e costanza al top. Quartararo ha corso con intelligenza, sbaragliando la resistenza degli avversari e presentandosi sul traguardo con oltre due secondi e quattro di vantaggio su Miguel Oliveira. Risalito forte dalle retrovie, il portoghese della KTM si è rivelato un vero “animale da gara” chiudendo secondo e recuperando così punti preziosi in campionato su Francesco Bagnaia (sempre primo ma ad una sola lunghezza) oggi solo ottavo a causa dell’usura rapida del posteriore.

GLI ALTRI - Il terzo gradino del podio è andato ad Alex Marquez, grande favorito della vigilia, capace di regolare sul rettilineo il sempre più concreto Marcel Schrotter e il suo compagno di squadra Xavi Vierge: il duo del team Dynavolt Intact GP ha chiuso rispettivamente quarto e quinto davanti a Brad Binder mentre Bagnaia, ottavo, è finito alle spalle di Lorenzo Baldassarri e davanti a Lowes e Lecuona, che completa la top ten. Tra gli italiani a punti, 11esimo Locatelli e 12esimo Corsi mentre da segnalare le uscite di scena anticipate di Fenati, Pasini e Mir.