Giornata strana quella di Phillip Island che però tra le varie bandiere rosse e le condizioni meteo avverse, non ha impedito ai piloti della Moto2 di portare a termine le qualifiche, nonostante qualche momento di pioggia.
A firmare la pole position è stato Jorge Navarro del team Speed Up con un tempo di 1:33.565.
Molto bene è andata anche al compagno di team Fabio Di Giannantonio, qualificatosi quarto alle spalle di Luca Marini.
Non al top ma comunque buona la qualifica di Alex Marquez che per la lotta al mondiale domani partirà settimo, lasciandosi però alle spalle Fernandez e Luthi.

COME E' ANDATA - Dal Q1 sono riusciti a passare Sam Lowes, Remy Gardner, Xavi Vierge e Luca Marini che dopo la caduta di venerdì si può dire sia tornato in forma.
Nel Q2, invece, a spuntarla su tutti è stato Jorge Navarro che domani scatterà dalla pole position. Al suo fianco ci sarà Brad Binder che ancora una volta ha dimostrato di essere molto competitivo in sella alla KTM.
Ma il terzo e quarto piazzamento sono italiani: prima Luca Marini che dopo un venerdì nero è riuscito a ritrovare il giusto feeling con la moto e una forma fisica ottimale, e poi il rookie Fabio Di Giannantonio che domani in gara scatterà dalla quarta casella.
La quinta posizione se l'è presa invece l'altro rookie Jorge Martin, lasciandosi alle spalle Sam Lowes (sesto) e Alex Marquez (settimo).
Vanno a chiudere la top ten Jesko Raffin, Marco Bezzecchi e Iker Lecuona.
Giornata non proprio buona, invece, per Nicolò Bulega (tredicesimo) Stefano Manzi (quattordicesimo) ed Enea Bastianini (diciottesimo).
Da ricordare che Sam Lowes, che ieri era stato protagonista di un brutto contatto avvenuto in modo volontario con Jesko Raffin, domani per la gara partirà dall'ultima casella.