Fabio Di Giannantonio è sceso in pista a Jerez durante i test ufficiali del mondiale Superbike per provare alcune novità in vista della stagione Moto2 del 2020.

Il romano ha siglato il sedicesimo crono assoluto, dividendo le Superbike dalle Supersport, che pure erano in pista allo stesso tempo. Per il portacolori del team Speed Up era l’ultimo test prima delle meritate vacanze.

Lo abbiamo raggiunto prima che si imbarcasse per rientrare in Italia.

Fabio, come sono andati i test e cosa avete provato?

“Sono andati abbastanza bene, sono contento. Abbiamo provato le gomme del prossimo anno, più che altro quella posteriore che sarà un pelo più larga, e un telaio nuovo. Abbiamo lavorato più altro su quello, per capire su cosa dava vantaggio il telaio nuovo e su cosa invece dava svantaggi. E al contempo abbiamo cercato anche di capire un po’ le gomme nuove”.

Sei soddisfatto dei risultati?

“Sono soddisfatto, sì, perché alla fine non abbiamo mai cercato il tempo ma abbiamo girato abbastanza forte”.

Cosa manca ancora?

“Manca ancora migliorare un po’ il feeling davanti, ma i ragazzi sanno già cosa fare e lavoreranno nell’inverno. Quindi sono convinto che ai prossimi test arriveranno con qualcosa di nuovo da provare”.

Che idea ti sei fatto delle Superbike girando con loro?

“Girare con la Superbike è stato veramente figo! E’ stato interessante guardarli da dentro la pista, ho visto che facciamo le linee in modo molto diverso, perché loro ovviamente devono scaricare tanta più potenza. E’ stato bello condividere la pista con loro: una cosa un po’ particolare, mi è piaciuta”.

Adesso quale sarà il tuo prossimo impegno?

“Prima di tutto staccare un po’ la spina: ho ancora qualche impegno con gli sponsor, poi l’obiettivo è di fare un po’ di vacanze, godermi un po’ questa piccola pausa e poi ritornare sotto al lavoro per il 2020”.