Moto2, Martin: “Sono al 100%, posso già vincere”

Moto2, Martin: “Sono al 100%, posso già vincere”

“Dopo un inverno difficile ho recuperato dagli infortuni. Fatico a trovare il feeling con l’anteriore, ma credo che tutti abbiamo questo problema”, dice lo spagnolo del team Ajo

Alla conferenza stampa dei piloti del Qatar, questa volta sono stati protagonisti solo i piloti della Moto2 e della Moto3. Per la classe di mezzo, sotto i riflettori anche il campione del mondo Moto3 del 2018 Jorge Martin, che ha raccontato le sue sensazioni in vista della prima gara del mondiale Moto2.

Gli infortuni


“Alla fine della scorsa stagione sono stato piuttosto competitivo, ma poi abbiamo cambiato di nuovo la moto ed è stato difficile capirla… Poi tre mesi fa ho subito un intervento chirurgico, però qui ai test sono riuscito a girare con un buon tempo”, spiega Jorge Martin.

Lo spagnolo della Kalex Red Bull KTM Ajo ha spiegato nel dettaglio in cosa consiste il suo principale problema. “Fatico un po’ a trovare il feeling con l’anteriore, ma credo che tutti abbiamo questo problema. Dobbiamo lavorare duro, riuscire a capire meglio la moto. Posso lottare per la vittoria già questo weekend”.

Sembra, infatti, che Martin abbia recuperato fisicamente.

“A inizio stagione prego sempre di non avere altri infortuni”, ha detto. “Ora sono quasi al 100% qui in Qatar ma il precampionato è stato difficile. L’intervento al ginocchio è stato piuttosto aggressivo, poi ho subito un intervento complicato ai legamenti del piede, ma ora sono pronto a lottare per i miei obiettivi".

Il telaio in alluminio


Alla domanda di come si trovi con il nuovo telaio in alluminio, Jorge Martin ha detto che il passaggio dal telaio in acciaio a quello in alluminio "è stato un grande cambiamento. Il comportamento della moto è più morbido, più delicato, e si capisce meglio, ma lo scorso anno la moto era molto stabile nelle curve e un punto di forza era proprio la frenata. Adesso è un po’ troppo delicata, ma forse è meglio essere avere più sensibilità”.

Questione di grip


Questo weekend tutta l’attenzione sarà puntata sulla Moto2 e sulla Moto3, ma la situazione non mette eccessiva pressione a Jorge Martin.

“Tutti gli occhi saranno sulla nostra gara, non essendoci la MotoGP. C’è anche da considerare che in certi punti della pista la MotoGP lascia molto più grip, e questo weekend forse non l’avremo. In ogni caso dobbiamo essere ancora più concentrati".

Infine, a proposito dell’annullamento del GP della Thailandia e del gap che si allunga in vista della prossima gara, Martin ha commentato che per lui è una cosa positiva “perché con gli infortuni non ho avuto tanto tempo per allenarmi durante l’inverno, e posso recuperare”, ha concluso Martin.

MotoGP: ecco come cambia il calendario 2020

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi