Mattia Pasini è allenato e carico per tornare in pista nel mondiale Moto2. Ce lo confida quando gli chiediamo quali sono le sue aspettative per la classe mediana quest’anno.

Con l’obiettivo di tornare


“Chi sarà il favorito in Moto2? Spero di essere io!” risponde con un grande sorriso. “Sto lavorando per tornare a correre e spero di riuscirci. Vediamo cosa succede nei prossimi giorni, nelle prossime gare… ora poi si è un po’ tutto stravolto per il virus”.

A parte te, chi vedi bene in Moto2 quest’anno?

“Ieri è stato un venerdì molto agguerrito e ho visto molto in forma le Speed Up, molto in forma anche i due piloti dello Sky Racing Team VR46 e Joe Roberts che è uscito dal nulla e che sembra essere molto veloce quest’anno. Però bisogna vedere cosa succederà domenica, perché in gara è sempre un’altra cosa.

Questo primo round poi è molto particolare, perché tutti hanno fatto i test su questa pista quindi sono già più preparati, le altre gare saranno molto diverse”, aggiunge Mattia Pasini.

Attenti a Jorge Martin...


Se dovessi fare una scommessa in Moto2, su chi punteresti?

“Su di me!”

Non vale… a parte te?

“Non mi sento di fare una scommessa secca su qualcuno… ma se dovessi farlo, punterei su Jorge Martin”.

Perché?

“È supportato da KTM, ha tanta esperienza, è già campione del mondo, è un pilota forte”.

Degli italiani chi vedi bene?

“Vedo molto bene i piloti dello Sky Racing Team VR46: Marco Bezzecchi è veloce, costante, concentrato e determinato, anche il ‘Maro’ lo vedo in forma (Luca Marini, autore del terzo tempo nella combinata oggi, ndr). Oggi soprattutto mi è sembrato molto sciolto.

Quanto conta il team in Moto2?

“Il 75%, perché oggi comunque i piloti sono tutti forti. La categoria è molto serrata, a fare la differenza sono i piccoli dettagli, che trovi nei team migliori".

Quali sono i team più forti in Moto2 secondo te?

“I top team sono Marc VDS, Sky Racing Team VR46, Speed Up…  Sono veramente di alto livello, gli altri sono tutti un po’ sotto”.

A proposito di Speed Up, come vedi Fabio Di Giannantonio?

“Ancora non sono riuscito a decifrarlo, oggi ad esempio ha avuto egli altri e dei bassi, aspettiamo di vedere come andrà domenica”.

MotoGP: “Rossi sarà della partita”


Parliamo della MotoGP. Cosa pensi del rinvio delle prime gare?

“La sicurezza e la salute venogno prima delle corse, quindi secondo me hanno fatto la scelta giusta. Che dire? Anno bisesto, anno funesto…”

E in MotoGP quali sono le tue previsioni?

“Vedo molto bene le Suzuki, soprattutto quella di Rins. E poi penso anche che quest’anno Vale (Rossi, ndr) sarà da partita”.

Sarà più motivato perché sarà il suo ultimo anno da ufficiale?

Non credo che sia il suo ultimo anno da ufficiale: lui ha dato tanto alla Yamaha, se hanno fatto una scelta di genere sono sicuro che se Vale deciderà di continuare, sanno di potergli garantire in un’altra squadra lo stesso trattamento di dov’è adesso.

Credo che il cambio di squadra, con il nuovo capotecnico, abbia portato una ventata di freschezza e nuove motivazioni. Sì, sono convinto che Vale sarà della partita”.

Considerando gli anni che ha sarebbe un’impresa!

“Di imprese ne ha fatto tante, sarebbe solo la ciliegina sulla torta”.

E di Marc Marquez cosa pensi?

“Dipende molto dalla Honda e dalle sue condizioni fisiche. Sicuramente è lui l’uomo da battere, dopo che ha vinto gli ultimi quattro campionati, però l’ho visto soffrire un po’ nei test, un po’ per la moto nuova, un po’ per la sua condizione fisica non al 100%... è vero anche che l’ultimo giorno di test con la Honda dell’anno scorso è stato molto veloce, quindi credo che la Honda reagirà e anche lui sarà lì davanti”, conclude Pasini.

MotoGP: ecco come cambia il calendario 2020