Da terzo, a terzo. Pur lottando per tutta la gara, Enea Bastianini non è riuscito ad andare oltre la terza piazza nel GP del Qatar di Moto2, concludendo nella stessa posizione da cui era partito. Ma il rider del team Italtrans Racing è comunque soddisfatto.

Problemi di potenza


“Oggi in rettilineo non eravamo molto veloci. È stato molto difficile superare nella prima curva, ma sono comunque contento. Vedremo la prossima gara cosa riusciremo a fare”, racconta a fine gara Enea, che ai microfoni di Sky Sport MotoGP ammette di aver sofferto di una leggera mancanza di potenza del suo motore Triumph.

“Non era grande, ma era una cosa che notavo perché non riuscivo a sorpassare in rettilineo. Anche quando ero davanti io vedevo che mi superavano. Perciò ho fatto un po’ fatica alla fine con ‘Balda’, infatti ho cercato di attaccarlo proprio nell’ultima parte di curvoni veloci, e abbiamo perso il contatto con ‘Tatsu’. Però non andavo molto forte, perciò sarebbe stato comunque difficile recuperarlo. Però, alla fine ci siamo divertiti e vedremo la prossima volta se riusciremo a farlo andare più forte”.

L’agguerrita lotta con Baldassarri ha lasciato campo aperto a Nagashima, che nel finale ha preso i metri necessari per involarsi indisturbato verso il suo primo successo. Ma il “Bestia” non è troppo convinto che, senza ostacolarsi con "Balda", avrebbe potuto battere il giapponese: “’Tatsu’ era veramente forte agli ultimi 2/3 giri, ha avuto una marcia in più”.

Un buon inizio


Partire davanti è stato un aiuto per Bastianini, ma arrivare sul podio è stata tutt’altro che una passeggiata: “Ho perso qualche posizione a metà gara, e mi sono ritrovato 4/5, ma sempre a contatto con gli altri. Devo dire che è stata tosta comunque, ma alla fine, sono riuscito a salvaguardare le gomme per gli ultimi giri e finire sul podio”.

Un buon risultato con cui cominciare il Mondiale, ma in questo momento Enea non vuole dare troppo peso alla classifica.  

“Voglio guardare gara per gara, l’importante è continuare sempre così, finire sempre sul podio e fare delle belle gare. A fine campionato vedremo come siamo messi. L’obiettivo è stare sempre qui”.

Nagashima dedica la vittoria a Tomizawa: “Era come un fratello”