Da questo 2020 Marco Bezzecchi veste i colori dello Sky Racing Team VR46 e in Qatar, nel primo GP stagionale, ha ben figurato salvo poi chiudere 12esimo. Il “Bez” sta passando la sua quarantena a casa, tra un po’ di allenamenti e qualche sfida alla playstation con gli altri ragazzi della VR46 Riders Academy, ecco cosa ci ha raccontato.

Come stai passando questa quarantena?
“Sto a casa, passo un po’ di tempo con la mia famiglia, mi alleno e provo a rendere il tempo il più utile possibile per restare in forma. Non ho la palestra, ma riesco comunque a fare un po’ di esercizi”.

Come trascorri le giornate?
Dormo sicuramente un po’ di più, non potendo andare in palestra al mattino. Il pomeriggio di solito lo dedico all’allenamento, a volte anche un po’ in giardino, e poi magari la sera gioco alla playstation con gli altri ragazzi della VR46 Riders Academy”.

Come consideri questa situazione dopo aver corso il GP del Qatar?
“Mi dispiace molto perché durante l’inverno avevo fatto un grande lavoro ed ero molto soddisfatto. Però non ci possiamo fare niente, bisogna aspettare che si vinca la battaglia contro il virus. Bisogna solo rispettare le regole e superare questo momento”.

A livello psicologico com’è vivere questa situazione in cui non sai effettivamente quando tornerai in pista?
“Non so se è stato peggio per noi o per i piloti della MotoGP che non hanno proprio corso. Tocca superarla, certo è difficile perché noi dell’Academy ci vedevamo tutti i giorni, ci allenavamo sempre insieme, anche in moto. È strano non poterli vedere. Ci sentiamo per telefono e speriamo che finisca in fretta”.

Miller sull'isolamento: “Mi sembra di essere bloccato in purgatorio”