Lorenzo & Lorenzo, una amicizia, una passione comune che ha fruttato a entrambi un titolo internazionale a due ruote e giornate spese in pista insieme. Alfonsi e Dalla Porta, entrambi toscani, il più adulto ha 39 anni ed è stato campione europeo Superstock 1000 nel 2004, il più giovane diventerà ventitreenne tra pochi giorni ed è detentore della Moto3 iridata.

A Misano prima e al Mugello poi, Lorenzo ha supportato Lorenzo e Lorenzo ha ringraziato Lorenzo: in pratica, Alfonsi ha messo a disposizione di Dalla Porta sostegno nel garage e una moto, con il pilota del team Italtrans dimostratosi entusiasta e riconoscente nei confronti del proprio omonimo.

Alfonsi è di Sesto Fiorentino, comune ad un passo dalla città del giglio; Tecnico Federale FMI ed un ottimo passato nelle derivate di serie, il Lorenzo “grande” gestisce il motoclub che ha proprio il suo nome e promettenti corridori in erba nei trofei nazionali tricolori:Ho sempre amato il motociclismo e lo amo ancora - spiega - infatti, nei panni del corridore, del manager o dell’istruttore, ancora mi diverto, perché la passione è forte. Nei giorni di quarantena, io e Dalla Porta ci siamo sentiti più volte e, appena si è potuto uscire, siamo andati in pista a girare. O meglio, ha girato lui, io gli ho fatto - diciamo - da assistente. A Misano, Lorenzo ha portato in pista la mia Yamaha R6, al Mugello ha usato una R1”.

Alfonsi, che conosce bene Dalla Porta, è rimasto ulteriormente e favorevolmente sorpreso dai progressi compiuti dal ragazzo di Prato:Si può dire che io l’abbia visto nascere - racconta - e, sia dal punto di vista tecnico che da quello fisico, Lorenzo è cresciuto tantissimo. Nelle guida mi somiglia: come me, lui predilige linee tonde e pulite, raramente lo vedi frenare di traverso. E poi, è diventato tutto muscoli. Osservandolo in azione con la Yamaha 1000, penso che lui possa diventare, nel futuro, un pilota da MotoGP e fare bene anche nella Top Class”.

Ad Alfonsi, piace seguire con attenzione i passi dei ragazzini, perché ha la capacità di intravederne il potenziale vincente:Di Dalla Porta, lo dissi in tempi non sospetti - svela - quando correva nel CIV,, campionato che vinse nella piccola cilindrata, lui era sotto le insegne del mio motoclub. Sono felice per ciò che sta facendo e spero di vedere altri giovani ripercorrere gli stessi passi. Quest’anno punto su Yuri Menchetti nel National Trophy 600 e Manuel Turrini nella Dunlop Cup. Io aiuterò entrambi a dare il massimo".

Dalla Porta, molto felice dell’esperienza condivisa con Alfonsi, ha portato con sé al Mugello l’onnipresente papà Massimiliano. In sintesi, nel circuito di Scarperia - nei pressi di Borgo San Lorenzo - abbiamo potuto ammirare al lavoro i due Lorenzo. Alfonsi & Dalla Porta, che in comune hanno più di una caratteristica.

Il Motomondiale è pronto a ripartire, ecco il calendario 2020