Il mondiale Moto2 riparte questo weekend dopo il primo round in Qatar, dove ben due italiani hanno concluso sul podio: Lorenzo Baldassarri e Enea Bastianini, entrambi alle spalle di un Tetsuta Nagashima che si è rivelato imprendibile e ha staccato tutti di oltre 1 secondo sotto la bandiera a scacchi.

Sotto i riflettori di Losail non avevano brillato Marco Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio, che non sono riusciti a centrare la top ten, e nemmeno Stefano Manzi, a malapena in zona punti con la MV Agusta del team Forward. Fuori zona punti, invece, Nicolò Bulega, Simone Corsi e il campione del mondo della Moto3 Lorenzo Dalla Porta, addirittura penultimo, mentre Luca Marini non era riuscito a finire la gara, cadendo per un contatto quando mancava solo una tornata alla bandiera a scacchi.

Sotto il sole di Jerez

Nel secondo GP del 2020, al circuito Angel Nieto di Jerez, Nagashima arriva da capolista nella classifica del campionato. Ripartirà da dove ha lasciato? Una pista molto diversa, con temperature roventi e tante di incognite derivanti dalle particolari circostanze del 2020 lasciano preannunciare una sfida più avvincente che mai per questo fine settimana.

Il compagno di squadra di Nagashima, Jorge Martin, sarà uno dei piloti più determinati a far centro sul gradino più alto del podio visto che correrà davanti al pubblico di casa, e nei test di ieri non a caso ha stampato il miglior crono. Attenzione anche a Tom Lüthi (Liqui Moly Intact GP), autore del secondo miglior tempo nei test, e al suo compagno di squadra Marcel Schrötter.

Si sono posizionati in top ten nei test anche Sam Lowes (EG 0,0 Marc VDS) e Jorge Navarro (HDR Heidrun Speed Up), ma attenzione anche a Augusto Fernandez (EG 0,0 Marc VDS), che avrà voglia di riscattare l’appuntamento in Qatar, per lui al di sotto delle aspettative. Occhi puntati sulle prime posizioni anche da parte di Remy Gardner (ONEXOX TKKR SAG Team) e dall’americano Joe Roberts (Tennor American Racing), che a Losail ha mancato di poco il suo primo podio dopo aver firmato la pole.

La pattuglia azzurra

Quanto agli italiani, Lorenzo Baldassarri (Flexbox HP 40) e Enea Bastianini (Italtrans Racing Team) punteranno a replicare il podio, ma altrettanto faranno i piloti dello Sky Racing Team VR46 Marco Bezzecchi e Luca Marini, che ieri hanno siglato il terzo e il quarto tempo nei test, a solo 1 decimo da Jorge Martin.

Ma ci aspettiamo anche il riscatto di Fabio Di Giannantonio (Beta Tools Speed Up), Nicolò Bulega (Federal Oil Gresini), Stefano Manzi e Simone Corsi (MV Agusta Forward) e del campione della Moto3 Lorenzo Dalla Porta (Italtrans Racing Team).

Di certo, quella della Moto2 a Jerez sarà una gara molto intensa e combattuta, considerando che nei test di ieri i primi dieci piloti sono racchiusi in appena 4 decimi.   

MotoGP, Jerez: le Yamaha alla caccia di Marquez