E' tempo anche per i piloti della Moto2 di tornare in pista per la quarta tappa del Campionato del mondo MotoGP.

Dopo il fantastico podio tricolore del Gp di Andalusia che ha visto Enea Bastianini, Luca Marini e Marco Bezzecchi nelle prime tre posizioni, i giochi nella categoria di mezzo cominciano a farsi davvero molto interessanti.

Nagashima conduce la classifica iridata


Al momento, la classifica generale vede al comando il giapponese Tetsuta Nagashima con 50 punti totali, ma l'alfiere del team Italtrans Enea Bastianini lo segue con un distacco di soli due punti.

Anche il pilota dello Sky Racing team VR46 Luca Marini è molto vicino ed ha un distacco dal giapponese di soli cinque punti. Insomma, l'assalto italiano a Nagashima sembra prossimo e potrebbe avvenire già dal Gp della Repubblica Ceca.

Nel 2019, infatti, se a vincere fu Alex Marquez (passato quest'anno alla classe regina), Enea Bastianini ottenne il terzo gradino del podio con Luca Marini che arrivò quinto. Nagashima, invece, ottenne il settimo piazzamento.

MotoGP, Repubblica Ceca: tutti all'assalto della Yamaha

Questione italiana


In lotta per il podio, poi, oltre a Marco Bezzecchi che allo Sky Racing team VR46 sembra aver ritrovato il sorriso e anche la velocità, potrebbe stupirci anche Fabio Di Giannantonio che in questo inizio 2020 non è riuscito ancora a trovare il giusto feeling con la sua Speed Up. Nel 2019, però, proprio a Brno ottenne il primo podio in Moto2 arrivando in seconda posizione.

Una pista che quindi piace molto al romano e che ci auguriamo possa farlo tornare nelle posizioni che contano.
Con lui, tra gli italiani potrebbe stupire anche Nicolò Bulega e Lorenzo Baldassarri, ma attenzione che anche lo squadrone spagnolo è pronto alla battaglia.

Moto3 Brno, Suzuki col fiato sul collo ad Arenas

Anche gli spagnoli non scherzano


Non va dimenticato di certo il rookie Aron Canet che lo scorso anno in Moto3 vinse la gara della Repubblica Ceca e che, quest'anno, passato in Moto2 alla guida della Speed Up del team Aspar si trova al quarto posto della classifica iridata ed è reduce da un ottavo posto in Qatar e due quinti posti nella prima e seconda gara di Jerez.
Insieme a lui, è da tenere bene sott'occhio anche Jorge Martin rimasto al team Ajo e che in questo 2020 ha ottenuto come miglior risultato il terzo posto nel Gp di Spagna.
Insomma, anche il Gp di Brno si prospetta ad alto rischio di colpi di scena e la speranza è sicuramente quella di veder sventolare ancora sul podio il tricolore italiano.

MotoGP, GP Repubblica Ceca: gli orari TV di Sky, TV8 e DAZN