Dopo la vittoria di Martin nel Gran Premio d’Austria, l’inno italiano risuona, questa volta in maniera rocambolesca, nel Gran Premio di Stiria grazie a Marco Bezzecchi, vincitore per la prima volta in carriera in Moto2. Marini ringrazia il compagno di box e resta leader della classifica iridata dopo le prime 5 gare dalla ripartenza del Mondiale. Diamo i voti! 

Marco Bezzecchi - 10

E’ vero che la vittoria è arrivata soltanto al parco chiuso grazie all’uscita sul verde di Martin ma il “Bez” ha mostrato finalmente di che pasta è fatto, ritagliandosi un posto tra i protagonisti della Moto2 in questo 2020. Consistente per tutta la gara, lancia l’inseguimento a Martin e gli arriva incollato sotto la bandiera a scacchi. Per vittoria e podio c’è anche lui.

Jorge Martin - 10 

Martinator” ha da recriminare soltanto l’uscita sul verde che gli è costata la seconda vittoria in Austria dopo quella di domenica scorsa. Nonostante tutto esce dall’Austria motivatissimo dopo i 45 punti conquistati in due gare sul Red Bull Ring, rilanciandosi in grande stile in chiave Mondiale, dimostrando che può essere una “bega” per tutti.

Remy Gardner - 9

Ottimo podio per il figlio della Leggenda australiana del Motomondiale Wayne. Ostico da superare in staccata (chiedere a Bezzecchi che ha dovuto sudare per passarlo), Remy ha tirato fuori in Stiria una gran prestazione, riuscendo a rimanere incollato a Bezzecchi nella rincorsa a Martin. Serio pretendente per le posizioni da podio.

Tetsuta Nagashima - 8 

Dopo essersi smarrito nelle scorse gare, l’ex leader del Mondiale ha ritrovato la lucidità dei giorni migliori portandosi a casa un buon quarto posto finale che fa morale e gli dà modo di rilanciarsi in campionato con la quarta posizione dietro al suo compagno di squadra Martin. Da verificare nelle prossime gare ma sembra tornato quello del Qatar dopo lo zero di domenica scorsa.

Tom Luthi - 7 

Un altro redivivo. Dopo tanto penare ad inizio stagione, si rivede finalmente nei piani alti della classifica anche lo svizzero. Gara onesta la sua, senza colpi di genio ma accorta e quinta posizione solitaria al traguardo. Rimane però lontano dai suoi standard degli anni passati quando era costantemente in lotta per la vittoria. 

Luca Marini - 6 

A conferma di quanto le condizioni possano cambiare da una gara all’altra, “Maro” non riesce a replicare il secondo posto della di settimana scorsa, chiudendo settimo dietro a Vierge. Ma Luca mantiene il comando della classifica grazie al team mate Bezzecchi, che toglie la vittoria a Martin, e a Bastianini, che fa peggio di lui (11°).

FIM, Doping: altri 6 mesi di squalifica per Anthony West