Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, per la classe Moto2, non poteva essere più azzurro di così: Luca Marini, Marco Bezzecchi ed Enea Bastianini sono gli eroi di Misano riusciti a dar vita ad una gara degna della classe regina tra sportellate e sorpassi al limite che hanno infiammato il tracciato emiliano.

A vincere è stato un grandissimo Luca Marini (Sky Sport Racing team VR46) rimasto al comando per gran parte della gara, seguito sul podio dal compagno di team Marco Bezzecchi e dal terzo posto di Enea Bastianini (team Italtrans).
I tre piloti italiani sono anche i primi tre protagonisti della classifica mondiale con Marini primo a 112 punti seguito da Bastianini a – 17 e Bezzecchi a -27.

MotoGP Misano, Rossi: “Proveremo a lottare per il podio”

La gara


Non poteva essere più bella di questa la prima gara di Misano che ha regalato puro spettacolo da parte dei talenti azzurri con un podio interamente tricolore. Xavi Vierge ha provato in tutti i modi a mettere le ruote davanti ad Enea ma ha dovuto arrendersi arrivando in quarta posizione. Ad occupare i primi dieci posti della classifica, però, è stato anche un altro italiano, molto in difficoltà nelle ultime gare, ovvero Fabio Di Giannantonio (team Speed Up), arrivato settimo alle spalle di Augusto Fernandez e Tom Luthi con i quali è stato in bagarre da inizio gara.

Da segnalare anche la strepitosa rimonta di Sam Lowes che partito dalla pit lane per una penalità inflittagli dopo la seconda gara austriaca, è riuscito a chiudere in ottava posizione davanti ad Aron Canet e Joe Roberts.

Moto3, Misano: McPhee vince e riapre il campionato

Gli altri italiani all'arrivo


Da segnalare, tra i piloti italiani, l'undicesimo posto di Lorenzo Baldassarri, il tredicesimo del rookie Lorenzo Dalla Porta, il quattordicesimo di Simone Corsi e il quindicesimo di Nicolò Bulega, mentre Stefano Manzi ha chiuso diciassettesimo.

Tra i piloti usciti di scena Tetsuta Nagashima che perde importantissimi punti nella lotta al mondiale, mentre Remy Gardner, che sarebbe dovuto scattare dalla pole position, è dovuto rimanere al box in quanto è stato dichiarato "unfit" dopo una caduta nel warm up.

MotoGP, Misano qualifiche: un super Vinales guida il poker Yamaha