Gli occhi di ghiaccio di Luca Marini celano una grandissima felicità per la terza vittoria stagionale conquistata sul tracciato di Barcellona battendo un avversario fortissimo come Sam Lowes. Il fratello di Rossi è stato perfetto dall’inizio alla fine, non si è scomposto quando Lowes è passato, è stato dietro all’inglese ed ha atteso il momento giusto per ripassarlo e chiudendo davanti a lui sul traguardo. 

“Avevo un gran feeling con la moto e sapevo di poter vincere”


Luca Marini, dopo la vittoria, si presenta al parco chiuso per le domande di rito su vittoria e fine settimana ripensando anche a Misano 2. “Misano 2 non è stata così disastrosa. Sapevo di poter vincere anche a Misano 2, ho fatto quarto e andava bene. Oggi sono molto soddisfatto, soprattutto del weekend che ho fatto. Abbiamo lavorato sui dettagli, cercando di salvare il più possibile la gomma dietro.” 

Parlando delle temperature e del passo gara dice: “Con queste temperature, il passo gara è stato veramente elevato. Non me lo aspettavo. Ho visto dalla tabella che Sam dietro di me spingeva fortissimo ed ho pensato che sarebbe stata dura. Ho cercato di gestire al meglio, salvare la gomma dietro ed allo stesso tempo girare in 43.” 

Sul sorpasso subito da Lowes aggiunge: “Quando mi ha superato, è stato il mio momento peggiore. Stavo faticando, però per fortuna mi ha superato così potevo usare la sua scia sul dritto per stare attaccato e guadagnare quei 2-3 decimi. Nelle curve potevo entrare più dolce cercando di salvare la gomma dietro. Ho aspettato la fine per attaccarlo perché sapevo che ne avevo un po’ di più.”

Marini chiude l'intervista parlando della gara e della vittoria: “Mi sarebbe piaciuto andare via con il mio passo. Purtroppo ho fatto un errore in curva 1 e ho perso mezzo secondo quando avevo più gap. Non sono stato perfetto in gara. E’ una vittoria importantissima ma avrei potuto fare meglio.”

Moto2 Barcellona: Marini show, vittoria e allungo nel Mondiale