Un terzo posto che vale quanto una vittoria per Fabio Di Giannantonio. Il pilota del team SpeedUP ha compiuto una gara veramente strepitosa fin dalla partenza, bruciando il suo compagno di squadra Navarro e tenendosi un podio importantissimo per il morale e per la sua classifica.

Dopo un inizio veramente difficile, il podio di oggi a Barcellona è il giusto premio per gli sforzi ed i sacrifici fatti per arrivare a questo punto. 

Fabio emozionatissimo


E’ un Fabio Di Giannantonio emozionatissimo quello che si presenta ai microfoni di Sky per la consueta intervista post gara. Il podio di oggi arriva come una “manna dal cielo” dopo un periodo difficilissimo. “Che spettacolo! Arrivare fin qui è stata dura. Abbiamo iniziato l’anno abbastanza indietro, eravamo in alto mare. Arriviamo qui a Barcellona e subito ci troviamo bene, sistemate poche cose abbiamo fatto un garone.” 

Fabio, parlando della gara, analizza il sorpasso subito da Lowes: “Ci sono rimasto un po’ male. Dietro a Luca ero un po’ al limite ma la scia mi aiutava, mi dava una mano a vedere le sue linee e dove frenava. Quando è entrato Lowes eravamo vicini ed abbiamo perso tanto tempo ed è stato un peccato perché potevo stare ancora un po’ dietro a Luca. Sinceramente però ne avevano un po’ di più loro e va bene così, sono contentissimo.” 

Parlando dei progressi tra Misano e Barcellona dice: “La moto è più o meno la stessa di Misano, cambiano solo piccole cose. Già a Misano abbiamo fatto un piccolo step capendo come usare questa nuova gomma davanti, che è quello che ci ha messo in crisi fino adesso. Su questa pista le SpeedUP vanno sempre forte, hanno qualcosina in più rispetto agli altri in qualche curva.”

Moto2 Barcellona: Marini show, vittoria e allungo nel Mondiale