I rumor di mercato di cui vi abbiamo dato notizia pochi giorni fa hanno trovato conferma: Fabio Di Giannantonio torna a far parte della scuderia Gresini Racing per le prossime due stagioni, affiancando il confermato Nicolò Bulega.

Dopo tre anni trascorsi insieme in Moto3 (2016-2017-2018), conquistando 2 vittorie, 12 podi e il titolo di vice Campione del Mondo 2018; nel 2021 il pilota romano tornerà a competere sotto i colori della squadra faentina, con l'obiettivo di puntare al titolo, in sella a una Kalex #21.

Una moto nuova per Fabio, che nelle sue due stagioni nella classe di mezzo ha gareggiato con una Speed Up.

Ritorno a casa


“Sono strafelice di tornare nel team dove tutto è nato - ha deto Di Giannantonio dopo la firma -. Con Gresini sono arrivati i primi punti, i primi podi, le vittorie… Con Fausto ci siamo ritrovati e credo sia una grandissima opportunità per entrambi, sono sicuro che possiamo fare grandi cose insieme in Moto2 il prossimo anno".

Una grande opportunità per Fabio, che punta a sfruttare questo trampolino di lancio, per poi approdare nella Classe regina: "Troverò una squadra nuova che poi è sempre uno stimolo in più - ha spiegato il romano-. Dobbiamo fare bene se non benissimo in Moto2 per poi aspirare alla MotoGP che potrebbe essere il premio e il sogno di una vita. Voglio ringraziare innanzitutto Fausto per questa possibilità, il mio manager Diego Tavano e tutte le persone che più mi sono state vicine”.

“Sono contento di aver completato la mia squadra 2021 con un altro pilota italiano di grande spessore - ha aggiunto il Team Manager, Fausto Gresini -. Fabio è un pilota che conosco molto bene e che con noi ha già fatto benissimo. Si tratta di un piacevole ritorno e sarà una line-up tutta italiana insieme a Nicolò, qualcosa a cui aspiravo da tanto tempo. La squadra per il prossimo anno prende forma, con l’obiettivo di tornare ai vertici della categoria con due piloti vincenti. Fabio ha firmato per due anni e sono felice che possa tornare a crescere con noi con un progetto a lungo raggio”.

Moto3 e Moto2, in Francia per far suonare l’Inno di Mameli