La prima prova ad Aragon non ha portato grandi risultati per alcuni dei piloti italiani. Nella classe Moto3 il migliore all'arrivo è stato Romano Fenati (quarto), mentre in Moto2 Enea Bastianini, grazie al secondo posto all'arrivo è andato a prendersi la leadership del Mondiale ai danni di Luca Marini.
La domenica è stata decisamente “no” per lo Sky Racing team VR46 con tante cadute.
Per tutti, quindi, ci sarà da girare pagina, restando però su un tracciato che volenti o nolenti dovrà rientrare nelle loro “corde”.

La situazione in Moto2


In Moto2, il balzo in avanti di Enea Bastianini, pilota Italtrans, non può che far gioire anche perchè il secondo posto e la leadership del mondiale è arrivata dopo un weekend non proprio facile.
La speranza, però, è che anche Luca Marini, Marco Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio, consapevoli di avere una seconda chance, possano ritrovare il sorriso grazie ad un buon piazzamento.
Anche perchè, Sam Lowes, che ha infilato due vittorie nelle ultime due gare, si è fatto fin troppo insidioso nella classifica iridata scavalcando sia “Maro” che “Bez”, nonostante il divario resti contenuto.
Al momento, infatti, Bastianini conduce con 155 punti seguito da Lowes con 153, Marini con 150 e Bezzecchi con 130.
La battaglia è ancora aperta, certo, ma la parola d'ordine nel Gp di Teruel sarà soltanto una: NON sbagliare!

MotoGP, Teruel: tutti gli orari TV di Sky e TV8

Celestino e Tony non possono mollare


Situazione simile anche per la Moto3 che vede, come ogni anno, un Mondiale aperto fino all'ultimo.
In lotta, Albert Arenas che nonostante il settimo posto di domenica scorsa resta il leader. Il caso ha voluto, che i suoi rivali abbiano fatto peggio di lui.
Ad Aragon due, però, siamo sicuri che lo spagnolo non farà sconti a nessuno e sia Ai Ogura che Celestino Vietti Ramus dovranno rimboccarsi le maniche per non lasciarlo fuggire in solitaria verso il titolo.
Per Celestino il nono posto conquistato non è nelle sua corde: la strategia al box Sky dovrà cambiare e l'italiano dovrà attaccare fin da subito per riuscire a mantenersi nel gruppo di testa.
I suoi avversari, infatti, non saranno soltanto Arenas e Ogura, ma anche Masia, Binder e Fernandez, ovvero i tre piloti arrivati a podio.
Da non dimenticare, poi, Tony Arbolino: costretto a saltare il Gp di Aragon per essere stato su uno stesso volo con una persona affetta da covid-19, è stato messo in isolamento nonostante il tampone fosse risultato negativo. Tony dovrebbe rientrare da venerdì e sarà un ulteriore avversario, carico più che mai.

Moto3 Aragon: le PAGELLE della gara