Una bandiera rossa e relativa sospensione del turno hanno caratterizzato le seconde prove libere della Middle Class di Teruel, con un Motorland ancor più fresco di quanto lo fosse nella mattinata, dopo che il sole si è nascosto dietro minacciose nuvole.

La scivolata di Sam Lowes ed un pezzo della sua Kalex rimasto in traiettoria hanno suggerito ai commissari di interrompere le ostilità, riprese dopo qualche minuto. Alla fine, il più veloce è stato proprio colui che ha causato il break, vincitore settimana scorsa: il numero 22 inglese del team Marc VDS intenzionato a bissare il successo sulla stessa pista.

Bestia e Maro, così non va: Lowes proverà la fuga mondiale


Come direbbe la mamma di Artemio in "Ragazzo di campagna" chèl lì lè una bruta bestia, ma non parliamo di Bastianini, bensì di Sam Lowes, davvero in forma al Motorland e, consideratelo, quando le temperature di aria ed asfalto sono fresche. L'inglese ed il suo 1'51"920 guardano tutti dall'alto e, ricordiamolo, il pilota Marc VDS è a soli 3 punti da Enea in campionato.

Pochi, perché alla fine della stagione mancano quattro Gran Premi, quello di domenica incluso. Sicché, 100 punti e tutto può ancora succedere, includendo Luca Marini a quota 150. Insomma, i tre sono in lizza per il titolo, mentre Bezzecchi - scivolato senza rimediare danni fisici - è un po' più sotto ma, mai dire mai.

Però, prima vanno sbrigate le pratiche Teruel e Lowes che, se non commette sciocchezze, parte quale favorito per la gara di dopodomani. Miglior tempo a parte, poiché qui lui è una "brutta bestia". Il Bestia, invece, è solo tredicesimo. Peggio il Maro, ventitreesimo. D'accordo, è solo venerdì, ma chi ben comincia...

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

Il resto del plotone


Rimanendo in Casa Italia, ha fatto bene Fabio Di Giannantonio, quarto con una Speed Up che va molto forte pure con Jorge Navarro, secondo oggi. In mezzo ad una selva di Kalex, vediamo la numero 11 di Nicolò Bulega, nono. Marco Bezzecchi è undicesimo e pure caduto, come detto.

Simone Corsi e Stefano Manzi ricoprono posizioni dalla diciottesima alla ventiduesima con MV Agusta non propriamentr brillanti, opachi pure Lorenzo Baldassarri e Lori Dalla Porta, a fondo gruppo o quasi. Il marchigiano è anche scivolato, fortunatamente sta bene. 

La classifica


MotoGP GP Teruel, FP2: Nakagami chiude al comando, Dovizioso è 19esimo