Enea Bastianini ha concluso il GP di Teruel con un terzo posto alle spalle di Sam Lowes e di Fabio Di Giannantonio. Lowes oggi è stato semplicemente imprendibile, ma Bastianini può ancora puntare al mondiale, perché soltanto 7 punti lo separano dall’inglese.

Incognita Lowes a Valencia


In classifica siamo attaccati, adesso lui è veramente molto in forma”, dice Bastianini ai microfoni di Sky a proposito di Sam Lowes. “Non saprei dire cosa potrà fare a Valencia, quello che so è che anche io ho un bel potenziale. Insieme al mio team stiamo dimostrando di essere sempre abbastanza costanti, sempre veloci. Diciamo che Valencia non è proprio la mia pista preferita, ma ce la faremo piacere”, dice il ‘Bestia’.

MotoGP, Ezpeleta sul Covid: "Non è cambiato nulla con le gare"

"Un martello pneumatico"


A proposito di Sam Lowes, il romagnolo ha ammesso che questa volta era imbattibile.

“Oggi è stato un martello pneumatico, nessuno di noi è riuscito a stargli dietro”, dice Bastianini. “Io ci ho provato all’inizio ma facevo fatica a passare Gardner perché staccava forte e aveva un bel grip soprattutto sul veloce, ma una volta che me ne sono liberato sono riuscito a fare il mio ritmo. Ma anche se fossi partito prima con 2 secondi di vantaggio oggi avrebbe vinto lo stesso Lowes”, ammette con grande sportività Bastianini.

Purtroppo è andata così, ma alla fine è un podio e dobbiamo essere contenti”, conclude il portacolori del team Italtrans. Ma si capisce che questo podio non ha il sapore dolce della vittoria, soprattutto per i punti persi in classifica iridata.

MotoGP Teruel, Mir: “Franco ha sfoggiato un passo incredibile”