Moto3 e Moto2, gli italiani alla riscossa a Valencia

Moto3 e Moto2, gli italiani alla riscossa a Valencia

75 punti ancora in palio nell’ultimo trittico che decreterà i vincitori delle due classi minori e gli italiani hanno buone possibilità, sia in Moto3, sia in Moto2, a partire dal GP d'Europa

3 novembre 2020

La stagione 2020 del Mondiale sta per giungere al termine, manca ancora un ultimo trittico europeo per decretare concluso questo Campionato e si inizierà questo fine settimana dal circuito di Valencia. Qui arrivano con lotte al titolo serrate le due classi minori (nonché la MotoGP) e ci sono buone probabilità che in entrambe le categorie uno dei “nostri” possa fare la differenza.

Moto3


Battere Albert Arenas non sarà affatto semplice e nell’ultimo GP disputato ha provato ad allungare in campionato. Mancato il podio per poco, sulla pista intitolata a Ricardo Tormo punterà a vincere e ad aumentare quei 19 punti che ora lo separano da Ai Ogura. Il giapponese non sale sul podio da quattro gare e dovrà dare un colpo di reni per stare davanti, anche perché è inseguito per solo un punto da Celestino Vietti.

Il pilota dello Sky Racing Team VR46 è concentrato, sta lavorando bene, ha fatto quello step necessario per diventare un avversario temibile ed è così arrivato in piena lotta iridata. Al gruppo degli inseguitori si è aggiunto anche Jaume Masia, con la doppietta conquistata ad Aragon, e Tony Arbolino è rimasto aggrappato alla lotta, con 46 punti di ritardo. A Valencia partirà per vincere e riscattarsi, definitivamente, dal negativo doppio weekend di Aragon.

Moto3: i "baby fenomeni" del CEV pronti al salto nel Mondiale

Moto2


La vetta della classifica iridata parla inglese, con Sam Lowes, vincente nelle ultime tre gare, che di errori quest’anno non ne commette mai. Alle sue spalle ben tre italiani, matematicamente ancora in lotta per il titolo. Enea Bastianini, secondo, paga solo sette lunghezze  e benché la pista valenciana non sia tra le sue preferite, darà il massimo per farsi trovare pronto domenica. E poi ci sono i portacolori dello Sky Racing Team VR46, Luca Marini (-23) e Marco Bezzecchi (-48), che arrivano da un periodo difficile.

Entrambi hanno commesso errori nelle ultime gare e devono ritrovare la scia dei buoni risultati per fermare l’ascesa dell’inglese e del connazionale. In pista tutti dovranno vedersela anche con Fabio Di Giannantonio, che ora finalmente ha trovato la quadra con la sua Speed Up, il secondo posto del GP di Teruel parla chiaro, e sarà un avversario in più da temere in pista.

MotoGP, il Gran Premio di Portimao si svolgerà a porte chiuse

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi