Tirato fino all’ultimo e di altissimo livello, quello di quest’anno è stato indubbiamente un campionato entusiasmante, combattuto ed incerto.

Sa molto di Italia questa Moto2, dove l’unica bandiera che “disturba” la nostra è quella britannica, sventolata da Sam Lowes.

Oggi, in quel di Portimao, si decide una volta per tutte chi sarà il vincitore di questo mondiale mozzafiato.

Enea Bastianini, che osserva dall’alto i tre rivali Lowes, Marini e Bezzecchi, sa benissimo che sono alte le probabilità di vincere il suo primo titolo iridato. Un sogno, inseguito ormai dal lontano 2014 (anno di debutto nel motomondiale), che potrebbe finalmente realizzarsi per il riminese. Ma del resto, il discorso vale anche per gli altri contendenti.

Nessuno dei quattro ha prima d’ora vinto un campionato mondiale, ci possono essere andati vicino diverse volte, ma mai sono stati in piena lotta fino all’ultimo istante. Chi sarà a mettere le mani sul titolo per la prima volta?

ECCO IL SONDAGGIO

Bastianini, voglioso di rivincita


Quello che vediamo ora è un Enea maturo. La sua crescita personale è stata notevole in questi due anni nella classe di mezzo. Negli anni della Moto3 non è mai riuscito ad esprimersi al meglio, e i risultati degni di un pilota come lui non sono mai arrivati. Il “Bestia” sente l’odore della medaglia d’oro, e con essa un forte vento di rivalsa.

Dal sondaggio appare chiaro che, con il 67% dei voti, sarà lui l’uomo da battere oggi.
Le combinazioni per vincere il titolo sono molteplici, ma ad Enea basterebbe non commettere gravi errori e non sprofondare nel marasma dei 29 partenti della Moto2, per centrare il bersaglio. E a giudicare dai risultati delle qualifiche e dai tempi delle libere, al pilota di casa Italtrans questa pista (nuova per lui) va parecchio a genio e sarà pronto a tutto nella gara di oggi.

MotoGP, orari TV GP Portogallo: in diretta su Sky, DAZN e TV8

Lowes, a caccia dell’impresa


Il buon Sam, che ha dimostrato essere un vero duro, sta dando tutto sé stesso pur di guidare sopra l’infortunio alla mano destra subito a Valencia.

Il 18% dei votanti lo vede come il prossimo vincitore di questo titolo, ma la frattura alla mano è davvero un grosso problema per lui in vista della lunga durata della gara.

Aggressivo come pochi altri, dovrà recuperare 14 punti al leader della classifica; per farlo, deve puntare sicuramente alla vittoria (o comunque al podio) in quest’ultimo appuntamento, ma non sarà affatto semplice.

La sofferenza è tanta, ma Lowes non si arrende: anche se in cuor suo ha probabilmente già salutato la possibilità di raggiungere un obiettivo che da diversi anni rincorre, il brittannico darà tutto sé stesso fino alla bandiera a scacchi. Anche se non dovesse servire a niente.

Moto2, Sam Lowes e la mano “mostruosa” del dopo gara

La coppia Sky Racing Team, lontani ma anche veloci


Come hanno dimostrato in questa stagione, i due giovanotti firmati VR/46 sono due talenti definitivamente sbocciati.

Luca Marini che dista 18 punti da Enea, si è un po’ perso nelle ultime fasi di questo 2020, ma il suo manico rimane ed il potenziale per poter trionfare non è mai andato perso. Dato come vincitore con la ridotta percentuale dell’8%, darà tutto sé stesso pur di portarsi a casa questo campionato che ad inizio anno, grazie ai risultati strabilianti, lo vedeva come il favorito numero uno.

Per il compagno, Marco Bezzecchi, è sfuggita diverse volte l’opportunità di essere davanti a tutti o comunque molto più vicino di quel che è ora alla vetta della classficia. Diversi zeri lo hanno penalizzato al punto da metterlo quasi fuori dai giochi, ma il “Bez” non si è mai rassegnato ed in gioco, seppur a 23 punti da Enea, c’è ancora.

Sarà lui il vincitore, proprio come Luca, per solo l’8% dei votanti. Troppi punti da recuperare e forse anche troppe difficoltà nelle qualifiche di ieri, lo vedono realisticamente parlando fuori dai giochi, ma d’altronde la sua filosofia sportiva è quella di non mollare mai, ed assieme al compagno di box, oggi in quest’ultima gara di questo incredibile 2020, ce ne faranno vedere di tutti i colori.

Moto2 Portogallo: lo Sky Racing Team VR46 è campione a squadre