Una delle grandi sorprese della stagione 2020 della Moto2 è stato Joe Roberts, pilota statunitense portacolori dell'American Racing Team, con cui ha vissuto un'annata ben al di sopra delle aspettative con tanto di podi e pole position. Un rendimento che gli ha permesso di acquisire la fiducia del team Italtrans, squadra che ha conquistato il mondiale con Enea Bastianini, per l'assalto al titolo nel 2021.

"A Le Mans credevo di vincere"


Uno degli episodi più difficili da digerire per il pilota a stelle e strisce è stato il problema di Le Mans dove, nonostante la pole position, per un errore del team, non si è poi potuto giocare la vittoria: "Quando sono arrivato a Le Mans mi sono reso immediatamente conto di essere competitivo e, dopo aver chiuso le prove libere in prima posizione, ho firmato anche la pole position. Ero molto motivato in vista della gara e credevo di poter vincere. E' un peccato che i meccanici non siano riusciti ad effettuare le modifiche in tempo costringendomi a partire dal fondo. Sono errori che non si dovrebbero fare, ma che succedono, proprio come le cadute che, invece, sono errori del pilota".

Joe ha poi parlato della prossima stagione, in cui si aspetta un ulteriore passo avanti: "Quando ho iniziato le trattative con Italtrans ero sorpreso, perchè è un team di vertice e, soprattutto, soltiamente lavora con piloti italiani mentre ora ne avranno uno che parla inglese. L'atmosfera mi è piaciuta fin dal primo momento in cui ho parlato con Giovanni sandi e gli altri componenti della squadra, tanto da sperare che la prima gara fosse la prossima settimana e non tra diversi mesi".

Moto2: Montella, Vietti ed Arbolino guidano l’Italia nella entry list 2021

"Anche Beaubier può ottenere grandi risultati"


Non è poi mancato uno sguardo agli altri grandi piloti americani che stanno arrivando nella scena mondiale: "Grazie a me e Gerloff, che in Superbike sta ottenendo risultati stupefacenti, credo che l'interesse per i mondiali in America sia cresciuto molto. L'arrivo di Cameron Beaubier, che prenderà la mia vecchia squadra, aumenterà ancora il tutto e sono sicuro che anche lu possa raggiungere ottimi risultati. La sua presenza sarà una motivazione in più per me, ma il mio obiettivo è sempre quello di lottare per vincere."

MotoGP, Honda davanti a un bivio: chi sostituirà Marc Marquez?