Un profilo da campione, Moto2: Tony Arbolino

Un profilo da campione, Moto2: Tony Arbolino

Grinta e determinazione sono due qualità del pilota di Garbagnate Milanese che in questa stagione salirà per la prima volta in sella alla Kalex della Moto2. Obiettivo: il titolo di Rookie of the Year

La nuova stagione Moto2, che partirà nel mese di marzo, vedrà impegnati ben dieci piloti italiani, a discapito della Moto3 che invece ne vedrà soltanto sei. La differenza è data da diversi fattori, nessun nuovo pilota nostrano in arrivo dalle categorie minori per la classe cadetta, e due piloti che invece hanno fatto il salto di categoria, con Yari Montella che arriva direttamente dal CEV. Tra i rookies Moto2 di questo 2021 ci sarà Tony Arbolino: ecco il suo profilo, chissà se rivelerà vincente.

Da Sic58 a Snipers


Il pilota di Garbagnate Milanese classe 2000, dopo un primo approccio alle minimoto, al quale è seguita la partecipazione al CIV Moto3, nel 2017 è riuscito ad approdare al Motomondiale facendo il suo debutto in sella alla Honda del team Sic58 Squadra Corse. Il team manager Paolo Simoncelli aveva riposto grandi aspettative in lui, ma dopo soltanto un anno Arbolino ha cambiato team passando al Marinelli Sneapers dove è rimasto fino alla passata stagione. Nei tre anni di permanenza è riuscito a crescere notevolmente arrivando ad ottenere un secondo posto nella classifica iridata nel 2020.

I test Moto3 e Moto2 cambiano sede: niente Jerez, si va in Qatar

Un 2020 travagliato


La sua ultima stagione, sebbene lo abbia portato a compiere il tanto ambito salto di categoria, è stata però tumultuosa: i bei risultati come i tre secondi posti di Austria, Catalogna e Francia, sono andati ad alternarsi ad altri in cui il pilota Snipers ha faticato non poco in sella alla Honda. In più, a cinque gare dalla fine del campionato, è dovuto rimanere fuori a causa del covid. Non era stato lui stesso a risultare positivo, ma una persona che si trovava con lui in aereo. Questo ha scombussolato ulteriormente i piani ma Tony si è rifatto a Valencia ottenendo la prima vittoria stagionale.

Cosa lo aspetta in Moto2


Nel 2021, è chiamato ad una nuova e difficile sfida: vestirà i colori del team Intact GP ed andrà ad ereditare la Kalex che fino al 2020 è stata di Thomas Luthi. Arbolino, dovrà innanzitutto adattarsi alla nuova moto, molto diversa rispetto a quella che era abituato a guidare. Dalla sua parte ha un buon team, ma soprattutto un carattere tenace che in più occasioni lo ha portato ad ottenere risultati che sembravano irraggiungibili. Il suo primo avversario nel 2021 sarà Celestino Vietti Ramus (Sky Racing team VR46) così come Yari Montella. Tra di loro la lotta per il titolo di Rookie of the Year sarà del tutto aperta. Ma conoscendo la grinta di Tony, così come la sua grande determinazione, sicuramente, se riuscirà fin da subito ad adattarsi, punterà anche a conquistare il podio. La sfida è aperta...si accettano scommesse!

Un profilo da campione, Moto3: Dennis Foggia

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi