Il team Italtrans si è presentato al pubblico dando ufficialmente al suo 2021, che a prescindere dai risultati sarà senza dubbio un anno speciale. Esatto perché per la prima volta nella sua storia la formazione bergamasca potrà scendere in pista con i gradi di team Campione del Mondo, grazie alla splendida impresa compiuta nella passata stagione da Enea Bastianini, ora in MotoGP.

Metà della squadra che l’anno scorso ha trionfato è rimasta intatta vista la riconferma di Lorenzo Dalla Porta, alla sua seconda stagione nella classe di mezzo, mentre la sella di Bastianini è andata all’americano Joe Roberts, una delle sorprese positive della stagione scorsa.

Roberts: “Voglio vincere una o più gare”


Come detto la novità della stagione alle porte è il californiano Joe Roberts, chiamato a confermare la velocità mostrata (a sprazzi) nel 2020. “Sono molto felice di fare parte di questo team – racconta il ragazzo di Malibu - che spero di ripagare nel migliore dei modi. Mi già manca stare con la mia squadra, che non vedo l’ora di rivedere la prossima settimana per i test”.

Roberts non nasconde i suoi obiettivi, e spende parole al miele per il nuovo compagno Dalla Porta. “Il mio obiettivo è vincere una o più gare, dando sempre il massimo. Lorenzo? E’ più simpatico di quanto pensassi, abbiamo diviso la stanza già in un’occasione ed è stato divertente (ride ndr)”.

Oltre che simpatico Lorenzo Dalla Porta dovrà dimostrarsi veloce, dopo un 2020 da debuttante non certo esaltante, dove non sono mancate le giornate negative. “L’anno scorso è stato duro per me, e devo ringraziare il team per avermi concesso una nuova opportunità. Credo di avere i mezzi per dimostrare il mio valore, cosa che voglio assolutamente fare nel corso della stagione. L’obiettivo è sempre vincere, ma vedremo gara per gara: devo in primis divertirmi in sella, senza strafare”.

Moto2, Joe Roberts: “In Italtrans trovo il mio ambiente ideale”

Sandi: “Roberts ha fame, Dalla Porta ha capito le difficoltà della Moto2”


Al timone (tecnicamente parlando) della nave è rimasto ovviamente Giovanni Sandi che, dopo essersi tolto la soddisfazione di vincere il titolo anche in Moto2, vuole cercare di replicare.

“Mi mancava vincere in Moto2 – conferma Sandi - e grazie al grande aiuto del team Italtrans ci sono riuscito. Quest’anno sarò il direttore tecnico del team, quindi seguirò il percorso di entrambi i piloti: Roberts mi ha fatto subito capire di avere tanta fame e voglia di arrivare lontano. Da Lorenzo mi aspettavo qualcosa di più lo scorso anno, ma vi sono stati alcuni piccoli problemi: ha scoperto che la Moto2 è un campionato duro, ma mi aspetto che possa fare vedere i numeri mostrati in Moto3”.

Il sogno sia di Dalla Porta che di Roberts è ovviamente quello di replicare quanto fatto da Enea Bastianini, intervenuto durante l’evento. “Abbiamo fatto qualcosa di incredibile insieme, non potevo immaginare un modo migliore per meritarmi la MotoGP. I piloti 2021? Dalla Porta ha potenzialità che forse non sa nemmeno di avere: deve sistemare alcuni dettagli, che messi insieme possono portarlo a lottare per le prime posizioni”.

Moto2: Forward Racing punta alla vetta con Corsi e Baldassarri