Alla vigilia del Gran Premio di Francia, la Grand Prix Commission composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna), Paul Duparc (FIM) ed Herveè Poncharal (IRTA) si è riunita online per rivedere alcune decisioni in merito alla stagione attuale della Moto2 e mettere le basi per il nuovo regolamento del prossimo anno della classe di mezzo del Motomondiale.

Concessioni per la stagione 2021


Il tema principale discusso nella riunione è stato quello delle concessioni a NTS ed MV Agusta per poter sviluppare i propri prototipi e recuperare terreno sulla concorrenza. I due costruttori, avendo disputato l’evento di apertura del Mondiale 2020 con la moto 2019, hanno dovuto poi proseguire il resto della stagione con tutto il materiale 2019, visto il congelamento dello sviluppo per il biennio 2020-2021, nonostante la produzione di pezzi 2020 già partita.

Per i due costruttori, la Grand Prix Commission, con effetto immediato ha disposto quanto segue:

- NTS potrà utilizzare il suo design del parafango anteriore 2020 e la carenatura principale.

- MV Agusta potrà utilizzare il suo parafango anteriore 2020, la carenatura principale, la sella e il design del forcellone.

La Grand Prix Commission ha anche appoggiato una decisione sostenuta da tutti i costruttori della Moto2 per applicare un'eccezione al loro protocollo concordato per il resto del 2021 in modo da consentire a tutti di poter svolgere due giorni di test privati solo con i collaudatori (piloti non contrattualizzati).

GP Francia, Moto3 e Moto2: a Le Mans sono tante le speranze azzurre