Romano Fenati ha conquistato la vittoria della Moto ad Aragon. Non vinceva dal Mugello (leggi QUI) e il suo ultimo podio risale a Indianapolis. Questa di Aragon è stata una gara intelligente, segno che il pilota, giudicato spesso un po’ troppo irruento, ha imparato a calcolare bene le sue mosse. Approfittando anche degli errori degli altri. Di Marquez, caduto due volte. E di Rins (leggi QUI). La pista era insidiosa: asciutta la traiettoria, bagnato fuori. “All’inizo è stato difficile, la pista era molto bagnata e tutti volevano arrivare davanti - spiega Romano -  Io invece me ne sono stato dietro. Con le slick sull’acqua non volevo rischiare. Ho salvato le gomme per il finale”. Fenati partiva indietro, 16° in griglia. “Devo migliorare la qualifica.  Venerdi avevo un problema sul davanti si chiudeva in curva, sabato invece scivolava dietro. Oggi invece era tutto a posto, un gran lavoro al mio box”. Una rimonta così ha sorpreso lo stesso vincitore. “Non pensavo di poter arrivare primo, magari quinto o sesto. A 2 o 3 giri dalla fine sono andato largo e Kent si è avvicinato, è diventata una lotta a tre. Ma alla fine ce l’ho fatta io. È stato bellissimo tornare alla vittoria dopo il Mugello".