Enea Bastianini (sopra) non è transitato sotto la bandiera a scacchi (per saperne di più leggi qui). La sua gara è terminata nella via di fuga, all'ultimo giro, negli ultimi metri. Bastianini, però, è stato il protagonista della corsa ed era in grado di giocarsi la vittoria all'ultima curva. Avrebbe potuto bissare il successo di Misano Adraitico, invece... Enea Bastianini (out): "Putroppo all'ultima chicane ho staccato abbastanza forte, mentre la moto di Binder si è messa un po' di traverso. Ci siamo toccati e siamo caduti. La colpa non è la sua e neppure la mia; sono cose che accadono. Il mio piano era restare dietro a Binder, perché avrei voluto sfruttare la sua scia per passare lui e Oliveira all'ultima curva. È stata una gara difficile, ho faticato abbastanza, perché la gomma posteriore, a sinistra, era finita e la moto si muoveva molto. Avrei voluto finire la gara. Purtroppo...". Miguel Oliveira (primo): "È stata una gara difficile, perché ho pensato a lungo alla strategia che avrei dovuto utilizzare. Avevo una moto molto veloce, me ne accorgevo in rettilineo ma anche all'uscita delle curve. Per questo motivo alla fine ho provato a scappare, anche perché all'ultima curva ero veloce, in grado di difendermi dagli attacchi degli altri. È andato tutto bene. Ho fatto la scelta giusta". Jorge Navarro (secondo): "Per me è stato molto difficile correre questa gara, perché avevo una spalla messa male. Mi faceva male ma ho stretto i denti, anche sapevo che eravamo veloci. Qui ad Aragon abbiamo svolto dei test e avevo al disposizione una ottima moto, a punto. Ho sfruttato l'occasione ed è arrivato il mio primo podio in carriera. Sono strafelice". Romano Fenati (terzo): "Ho avuto un po' di fortuna anche perché nell'ultimo giro sono caduti in molti. Le gare sono anche questo. La moto era buona; l'abbbiamo migliorata molto rispetto al warm up. Nella partenza sono stato finalmente bravo, ho tenuto duro tutta la corsa ed alla fine la fortuna mi ha dato una mano. Avrei potuto fare di più ma a metà gara ho perso potenza e perdevo terreni sia in rettilineo, sia in accelerazione. Dovevo rischiare di più in frenata ma non bastava. Poi ho lottato con Antonelli e Binder. Ci siamo dati fastidio, però è normale, perché tutti volevamo salire sul podio. Con il telaio vecchio avevo problemi già da inizio gara ed alla fine perdevo una vita. Con il telaio nuovo va meglio, però ho sempre qualche problema di usura gomme, sopratutto all'anteriore. A Misano ero al limite. Qui, invece, ero a posto. In questo caso il problema è stato il motore. Dopo avere accusato il calo di potenza non riuscivo a passare gli altri neppure sfruttando la scia". Andrea Migno (decimo): "Nelle prove faccio sempre abbastanza schifo... Parto indietro e devo recuperare ma la gara è già persa. Resto sempre troppo lontano dal vertice, all'inizio. Non so se potrei lottare con i primi, però bisogna provarci! Anche oggi in gara andavo forte... Dovrò trovare un sistema per partire più avanti!". Qui potete leggere la classifica della gara della Moto3. Riccardo Piergentili