Qatar: il giorno di Navarro

Qatar: il giorno di Navarro
Nei test in Qatar alle spalle dello spagnolo, Loi e Quartararo. Quarto Antonelli, poi Fenati

Redazione

11 marzo 2016

Il Campionato del Mondo Moto3 è approdato sul circuito del Qatar per il  secondo test ufficiale del 2016, e ha visto Jorge Navarro davanti a tutti. E' stato un avvio lento quello dei test della Moto3 in Qatar: durante la prima sessione c'era ancora il sole e la pista era piuttosto sporca. Di conseguenza, non tutti i piloti hanno girato, ma chi lo ha fatto ne ha approfittato per testare una nuova gomma posteriore dura  Dunlop. Questo pneumatico verrà utilizzato in Argentina e  solo durante i test in Qatar per le sessioni non-notturne;  per la gara del Qatar si potrà scegliere solo fra mescole morbide e medie, come nel 2015. Con la pista pulita dopo la prima sessione, i piloti e le squadre si sono concentrati su uscite brevi per perfezionare il set-up prima di cercare le simulazioni di gara nel corso della prova. Le prime sessioni sono state particolarmente importanti per KTM che ha un nuovo motore, con Brad Binder (Red Bull KTM Ajo) in vetta alla prima sessione. Anche se Honda continua ad usare lo stesso motore dei test di Jerez, Jorge Navarro (Estrella Galicia 0,0) è stato in grado di andare al comando la seconda sessione. La terza e ultima sessione della giornata ha visto Livio Loi (RW Racing GP), Niccolò Antonelli (Ongetta-Rivacold) e Fabio Quartararo (Leopard Racing) siglare giri veloci  verso la fine della sessione. A poco più di tre minuti dalla fine,  una bandiera rossa a portato ad una conclusione precoce del primo giorno. Jorge Navarro con il tempo di 2'06.176 siglato nella seconda sessione, ha messo a segno il giro più veloce della giornata, appena 6 millesimi più lento del tempo della pole di Alexis Masbou del 2015. Livio Loi con il crono di 2'06.462 ha svettato nella sessione finale e si è piazzato secondo assoluto. Dopo un inizio difficile nella classe cadetta nel 2013 e nel 2014, il giovane pilota belga si è preparato bene per il 2016. A 0.160s dietro Loi nella seconda sessione si è piazzato Quartararo: il francese è ancora a diversi decimi dal suo tempo di qualifica dal 2015 gara. A dimostrare ancora una volta di poter fare bene è stato Niccolò Antonelli, che ha portato la  Honda nelle prime cinque posizioni. Molto similmente a Loi, dopo diverse stagioni difficili Antonelli è ormai pronto a confermarsi come front-runner e sfidante per il podio. Quinto è stato Romano Fenati (SKY Racing Team VR46): leader dei test di Jerez, si è posto come obiettivo per questo test finale quello di migliorare la sua consistenza. I primi sette sono stati tutti in grado di girare al di sotto della barriera del 2'07. Jakub Kornfeil (Drive M7 SIC Racing Team), Andrea Migno (SKY Racing Team VR46), Brad Binder (Red Bull KTM Ajo), Enea Bastianini (Gresini Racing Moto3) e il rookie Bo Bendsneyder (Red Bull KTM Ajo) hanno completato la top ten. In classico stile Moto3, i primi 21 piloti sono racchiusi in due secondi. Per quanto riguarda gli altri italiani, Bulega ha chiuso con il quindicesimo crono Francesco Bagnaia con il ventesimo, Andrea Locatelli è 24°, Fabio Di Giannantonio 26°, Stefano Valtulini 31° davanti a Fabio Spiranelli e Lorenzo Petrarca. Qui i tempi della giornata. Fiammetta La Guidara

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi