di Riccardo Piergentili Il GP Spagna della Moto3, a Jerez, era iniziato alla grande per i piloti italiani. La pole position di Nicolò Bulega, il quarto posto di Francesco Bagnaia, il quinto di Niccolò Antonelli e il sesto di Enea Bastianini. Unica nota stonata, il nono posto in griglia di Romano Fenati, che a Jerez, questa volta, è sempre stato costretto a inseguire. Nel complesso, però, in qualifica "gli azzurri" hanno domato gli spagnoli. DUE SUPER ITALIANI - In gara qualcosa è andato storto e solo due dei nostri portacolori hanno lottato per la vittoria. Due giovani che stanno crescendo velocemente: il debuttante Bulega e Bagnaia, che nella prima parte del gran premio si sono alternati al comando della corsa insieme a Jorge Navarro. Un trio super veloce, molto più veloce del gruppone degli inseguitori, capitanato da Romano Fenati. LA RIMONTA DI BINDER - Nel finale della corsa, però, Bulega, Bagnaia e Navarro hanno dovuto fare i conti con un pilota che a Jerez voleva vincere a ogni costo: Brad Binder. Il Sudafricano, retrocesso in fondo allo schieramento, è stato autore di una rimonta incredibile, qualcosa che non si vedeva da anni. Binder, giro dopo giro, ha rimontato posizioni su posizioni, a pochi giri dalla fine ha conquistato la testa della gara, staccando i suoi diretti inseguitori e transitando da solo sotto la bandiera a scacchi. CHE SPETTACOLO! - Il vero spettacolo, però, lo hanno garantito Navarro, Bagnaia e Bulga, che nell'ultimo giro hanno dato vita a una battaglia emozionante, sorpassandosi più volte, sfruttando ogni millimetri della pista. All'ingresso dell'ultima curva Bulega sembrava destinato a rinunciare al podio ma, grazie a una staccata pazzesca, Nicolò ha sorpassato sia Navarro, sia Bagnaia, è riuscito a raggiungere il punto di corda della curva, uscendo velocemente e guadagnando il suo primo podio mondiale. Una manovra da piloti super esperti che non ci si aspetterebbe da un debuttante. ANTONELLI KO - A 11 giri dalla fine va segnalata la caduto di Niccolò Antonelli, che resta uno dei migliori della categoria ma non riesce a sfruttare il suo talento. Antonelli è veloce, molto veloce (e la vittoria nella gara di apertura del mondiale lo dimostra) e forse ha solo bisogno di ritrovare serenità e concentrazione che gli potrebbero permettere di lottare per il podio a ogni gran premio. Qui potete leggere la classifica della gara della Moto3. Twitter: @Hokutonoken_79