Lorenzo Dalla Porta, classe 1997, già dal prossimo round vestirà i colori dello Sky Team VR46  e per lui sarà la terza gara della stagione nel Campionato del Mondo Moto3. Dominatore incontrastato del CEV (Campionato Europeo Velocità), ha già vestito i colori delle scuderie Schedl GP Racing ed Estrella Gallicia 0,0 in sostituzione degli infortunati Philipp Öttl e Jorge Navarro. Apparizioni, al Mugello e ad Assen maora sarà un’altra cosa con una moto tutta per sé, un team che dopo l’esclusione definitiva di Romano Fenati torna ad una temibileformazione a tre punte e, soprattutto, sette GP per mettersi in mostra con l’appoggio di una scuderia concepita per vincere.

"Sono davvero contento di questa grande opportunità. Correre con lo Sky Racing Team VR46, uno dei top team della categoria, è sicuramente una cosa che non capita tutti i giorni", ha dichiarato Dalla Porta a MotoGP.com. "Sono motivato, voglio mettermi al lavoro per poter ripagare tutti di questa grande possibilità. Parteciperò alle ultime sette gare della stagione in sella alla KTM, in un team di professionisti che hanno come obiettivo coltivare il talento dei giovani piloti italiani. Potrò continuare a crescere e a fare esperienza per il prossimo anno. Non vedo l’ora di scendere in pista".

"È accaduto tutto in poche ore", spiega Dalla Porta. "La settimana scorsa, prima del GP di Brno mi hanno confermato che avrei corso con lo Sky Racing Team VR46 fino alla fine della stagione. Nemmeno il tempo di realizzare la cosa e sono partito per raggiungere il team in Repubblica Ceca e iniziare a preparare il mio esordio a Silverstone".

Che effetto fa essere la notizia principale del mercato piloti della classe leggera?

"Proprio sabato scorso, quando ero a Brno, il team Aspar ha annunciato il mio ingaggio per la prossima stagione in Moto3. Sono molto contento: per un giovane pilota arrivare al Mondiale è sicuramente un traguardo importante. Poter iniziare questa avventura con un po’ di esperienza in più sarà un’opportunità ulteriore. Cercherò di sfruttare queste ultime gare del 2016 per prendere più confidenza possibile con la categoria, ma senza dimenticare il CEV: correrò in entrambi i campionati cercando di fare il massimo".

Hai fatto una previsione delle tue gare con lo Sky Racing Team VR46 da qui alla fine?

"È sempre difficile fare previsioni: conosco le piste, grazie all’esperienza maturata lo scorso anno e questo è sicuramente un vantaggio. Nel 2016 in Moto3 ho già corso due gare: al Mugello con la KTM del team Schedl GP Racing, quando ho sostituito Oettl e ad Assen quando sono salito in sella alla Honda del team Monlau, ma avrò bisogno di un po’ di tempo per prendere il ritmo. Lavorerò sodo per centrare il prima possibile un bel risultato e ringraziare lo Sky Racing Team VR46 per questa bella opportunità".