Le qualifiche della Moto3 in vista del Gran Premio d’Argentina, seconda tappa stagionale del mondiale, si sono concluse con la supremazia netta dello spagnolo Jaume Masià, autore della sua prima pole in carriera e di una performance 3 decimi migliore di tutti gli inseguitori, capitanati dal pilota del team di Max Biaggi, Aron Canet, autore di un ottimo secondo tempo. Alle spalle delle due KTM si piazza il primo degli italiani, Tony Arbolino, con la Honda del team VNE Sniepers, che infila così una partenza in prima fila per il Gp di domani. 
“Stiamo lavorando sul grip”, dice Arbolino, alla quarta prima fila in carriera. “Siamo ad un buon punto. Nell’ultimo giro ho spinto e avevo ancora da toglie qualcosa. Qualunque siano le condizioni meteo la cosa importante è che noi siamo davanti”.  Per domani infatti è previsto un peggioramento meteorologico a partire dalla notte.

GLI ITALIANI - La classe leggera del circus promette bene per gli azzurri, con cinque italiani nelle prime sette posizioni. Sul circuito di Termas de Rio Hondo, infatti, il toscano Lorenzo Dalla Prta ha siglato il quarto crono, precedendo Niccolò Antonelli.
Sesto miglior tempo per Andrea Migno, che precede Romano Fenati, che ha fermato il cronometro a quasi mezzo secondo da Masià. Dall’ascolano ci si aspetta qualcosa in più in gara, considerando che sulla pista Argentina ha vinto nel 2014.
Celestino Vietti, Dennis Foggia e Riccardo Rossi hanno preso confidenza lentamente con il tracciato argentino e domani scatteranno rispettivamente dalla 21esima, dalla 22esima e dalla 26esima posizione in griglia di partenza.

Qui la classifica dei tempi. 

http://resources.motogp.com/files/results/2019/ARG/Moto3/Q2/Classification.pdf?v1_597836a8