Paolo Simoncelli non ci sta. Dopo l'incidente provocato da Binder nell'ultima sfida di Moto3, che ha compromesso la gara di diversi piloti, tra cui Canet in lotta per il mondiale, e Tatsuki Suzuki, il team manager della Sic58 ha scritto una lettera in cui chiede di rivedere alcune regole. Ecco alcuni dei passaggi più significativi.

LETTERA - Paolo parla di "kamikaze": «Senza regole siamo persi. Ecco perché alla Moto3 servono regole più severe e certe che non lascino spazio a dubbi o perplessità, che pongano un freno ai pilota kamikaze. In quest’ultimo Gran Premio abbiamo visto con che facilità il lavoro di un team può venire buttato al vento in pochi secondi. Tatsuki si è visto rotolare in terra la sua gara che poteva giocarsi probabilmente in zona podio e nessuno restituirà a Canet il mondiale perso, questo non è un gioco e può diventare pericoloso. Non mi stancherò di ripetere che servono punizioni più severe, un pilota è un ragazzo giovane è chiaro che se gli dai un dito si prende un braccio e per esempio approfitta della zona esterna al cordolo senza pensarci troppo».

SANZIONI - Paolo Simoncelli in maniera piuttosto esplicita racconta il fatto a cui fa riferimento (lo avevamo visto furioso ai box subito dopo l'accaduto) e poi chiede sanzioni severe: «Le punizioni sono l’unico modo per far si che ci pensino due volte o anche tre prima di tentare un sorpasso al limite, si deve puntare a disincentivare questi sprazzi di “eroismo”».