Era partita con il piede sbagliato la mattina giapponese di Lorenzo Dalla Porta che nel warm up a Motegi aveva commesso un errore, ma che poi si è rifatta con la bellissima gara del pilotino toscano della Moto3 che lo ha portato alla vittoria.
Adesso, si può dire vermante che l'alfiere del team Leopard abbia messo un tassello importante per andare a vincere il campionato: insieme alla sua vittoria, infatti, è arrivata la caduta da parte di Aron Canet il suo diretto avversario in ottica mondiale.
Lorenzo, adesso, si trova a +47 punti con sole tre gare alla fine della stagione.

FIERO DELLA SQUADRA - “Sono veramente fiero della mia squadra – dice Dalla Porta ai microfoni di Sky subito dopo la gara – perchè hanno finito la moto dieci minuti prima di partire per il giro di allineamento e quasi non ci credevo. E' stata una giornata difficile perchè stamattina nel warm up mi sono innervosito un po' perchè abbiamo avuto dei problemi, però hanno cambiato tutto e alla fine tutto ha funzionato come doveva funzionare. Non ho potuto lavorare sul ritmo questa mattina quindi i primi giri in gara ho fatto un po' di fatica però sono contento.
Avevo promesso una vittoria alla mia nonna prima che morisse, in Thailandia per un pelo non ci sono riuscito, ma qui ce l'ho fatta quindi questa è per lei.
La caduta di Canet certo incide, però non devono essere gli altri la mia preoccupazione, solo io. Oggi è andata bene quindi sono contento. Per il campionato è importante sicuramente quind grazie veramente alla squadra.”