Una nuova stagione, una nuova sfida, è quella che attende Tony Arbolino in questa stagione 2020 che prenderà il via domani con le prove libere del venerdì del GP del Qatar.

Il pilota del team Snipers, che sarà impegnato per il quarto anno nella categoria Moto3, è uno dei possibili candidati al titolo iridato tra i portacolori italiani, dato che nella passata stagione ha portato a casa un quarto posto in classifica generale.

Riparto dal 2019 per fare ancora meglio


Oggi Arbolino ha preso parte alla conferenza stampa che si è svolta in Qatar e alla quale erano presente sia i piloti della classe Moto3 che quelli della Moto2.

“L'anno scorso - ha detto Tony - è stato incredibile per me. Sette podi e tante pole position, credo che quest'anno abbiamo una buona base per iniziare a lavorare. Nei test ho fato tanti giri da solo con un buon passo, quindi penso che sicuramente sarà un'annata positiva. La moto non è cambiata troppo e questo è un bel vantaggio, mi sento più preparato per la gara anche per conservare le gomme e dare il massimo nell'ultima parte della gara”.

Sul nuovo compagno di team


Anche il suo nuovo compagno di team Filip Salac, è andato molto forte nei test, cosa ne pensa Tony? ”Sono rimasto sorpreso, - ha spiegato - l'anno scorso quando il mio team manager è venuto da me gli ho detto che volevo un compagno veloce, sapevo che Salac poteva essere veloce. Se collaboreremo potremo fare un buon lavoro in Qatar, un circuito difficile, quindi se ci aiuteremo potremo fare un buon tempo sul giro e anche lottare per la gara”.

È stato poi chiesto ai piloti cosa faranno durante la lunga pausa che ci sarà tra la prima gara in Qatar e la seconda del campioanto: "Per me non sarà buono stare fermo per troppo tempo – ha proseguito - perchè sono a Lugano e fa troppo freddo. Comunque mi allenerò di più in moto e cercherò di farmi trovare preparato”.

L'amico Jorge Lorenzo


Infine, tra gli argomenti di discussione sono stati il possibile titolo della classe Moto3, l'amicizia con Jorge Lorenzo e la superiorità della Honda rispetto alla KTM: ”Come detto in passato - ha concluso - è difficile prevedere chi possa vincere il titolo in Moto3, non sento pressione perchè sono preparato voglio lottare per vincere ogni gara e portare a casa il maggior numero di gare possibili. Per quanto riguarda Jorge Lorenzo, invece, è molto tempo che non lo vedo perchè è sempre in vacanza, a volte gli dico “dai basta” perchè sono invidioso nei suoi confronti visto che fa tutte queste vacanze”.

Infine sull'argomento Honda: ”All'inizio avevo paura perchè dicevano la Ktm sarebbe stata una buona moto, ma per adesso non è così. Vedremo in gara ma credo che la Honda sia una moto fantastica”.

MotoGP: ecco come cambia il calendario 2020