Si scaldano i motori a Jerez per le FP3 della Moto3 che questa mattina hanno dato il via alla lunga giornata spagnola che vedrà i piloti delle tre classi impegnati anche nelle qualifiche valevoli per la griglia di partenza di domani.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP, Moto2 e Moto3

Doppietta Sky


Stessa classe stessa strategia, l'ingresso in Q2 in Moto3 si decide come sempre negli ultimi 4 minuti a disposizione con il solito “gioco” di strategie e scie che i pilotini ci hanno abituati a mettere in scena quasi allo scadere del tempo a disposizione.
Ma il tempo di Gabriel Rodrigo stampato ieri sull'asfalto spagnolo è imbattibile: 1:45.663, un tempo record che nessuno riesce ad eguagliare.

Lo Sky Racing team VR46 continua però ad essere in grande forma, e la doppietta Celestino Vietti, Andrea Migno in seconda e terza posizione ne sono la conferma.

Il quarto posto è andato poi a Raul Fernandez, quinto Albert Arenas con il pilota del team Sic58 Squadra Corse Tatsuki Suzuki che si è piazzato sesto in quanto, a causa di una scivolata dopo essere andato fuori traiettoria, è rientrato al box e non ha potuto fare il time attack finale.

A strappare il pass diretto in Q2 anche Filip Salac, John MCPhee e l'italiano del team Gaviota Aspar team Stefano Nepa.
Nelle quattrodici posizioni sono rientrati infine il rookie Jeremy Alcoba, Ayumu Sasaki, Jaume Masia, Deniz Oncu e Kaito Toba.

MotoGP, gli orari TV del weekend di Jerez

Crisi Italia


Queste Fp3 di Jerez sono invece state un duro colpo per ben sei italiani che nella passata stagione sono stati tra i protagonisti della classe cadetta.

Il primo tra gli “esclusi” e che quindi dovrà passare dalla Q1 è Tony Arbolino (team Snipers), così come l'alfiere del team Sic58 Squadra Corse Niccolò Antonelli.

Con loro anche Riccardo Rossi (Boe Skull Rider team) arrivato diciottesimo e seguito in classifica da Romano Fenati passato al team di Max Biaggi in sella alla Husqvarna, Dennis Foggia approdato dal 2020 al team Leopard e Davide Pizzoli.

I tempi della combinata


GP Jerez, FP2 Moto3: Rodrigo non molla la vetta